Exotic
di Chiara Lauretani 2 Maggio 2018

Le 5 ricette per cucinare i piatti dei film di Hayao Miyazaki

Hayao Miyazaki è un istituzione dell’animazione giapponese, e oltre a farci sognare con i suoi film ci fa anche mangiare con gli occhi.

ramen youtube - ramen

 

Hayao Miyazaki è colui in grado di dare forma, colore e vita a mondi astratti e distorti.

Regista, sceneggiatore, fumettista e produttore cinematografico giapponese, classe 1941, portano la sua firma capolavori come la Principessa Mononoke, La città incantata, Ponyo sulla scogliera, Il mio vicino Totoro, Il Porco Rosso. Il suo nome viene immediatamente associato anche allo Studio Ghibli, studio cinematografico di animazione fondato nel 1985 insieme al collega Isao Takahata, e divenuto un’istituzione del settore. Premio Oscar per la Città Incantata nel 2003, e un altra statuetta d’oro alla carriera nel 2014, Miyazaki rimane un caposaldo dell’animazione internazionale per aver sempre portato nei suoi film tematiche sociali ed etiche di grande attualità, come il rispetto per l’ambiente (Il mio vicino Totoro, Princess Mononke), il pacifismo (Il Castello Errante di Howl), il ruolo delle donne all’interno della società (Miyazaki è da stato definito più volte un femminista) e la forza del bene sul male, che vede sempre l’amore prevalere sulle avversità della vita.

 youtube

Oltre ad una grande attenzione nei confronti dei personaggi che abitano le sue storie, i film di Miyazaki sono un vero e proprio trionfo per gli occhi, con i suoi colori accessi e le immagini spettacolari che descrivono luoghi al di fuori della realtà (che poi tanto al di fuori non sono), un mezzo perfetto con cui poter viaggiare con le fantasia, che fanno riflettere gli adulti e insegnano ai più piccoli.

Un altro aspetto sul quale il regista pone l’attenzione, e che emerge nella maggior parte dei suoi lavori, è lo spazio dedicato al cibo; non solo piatti tipici della tradizione giapponese ma anche close up di frutta e verdura, pentoloni che bollono, tazze calde, e ovviamente un sacco di riso.

Il cibo nella tradizione giapponese è un elemento imprescindibile per la convivialità e il senso di aggregazione tra le persone, e, un po’ come per noi italiani, l’atto del mangiare possiede un valore speciale e intrinseco di tradizione. Cucina che incontra il gusto di molti, nonostante le sue spezie e i suoi profumi orientali così diversi dai nostri, è anche più facile da eseguire di quello che sembra; e allora se Miyazaki ci ha dato così tanto materiale cinematografico su cui sognare noi, grazie a Super News, vi diamo le 5 ricette di alcuni dei piatti più famosi cucinati all’interno dei suoi lungometraggi animati.

Il caldissimo ramen cucinato in Ponyo Sulla Scogliera (attenti che scotta!), uova e bacon da Il Castello Errante di Howl, gli onigiri della Città Incantata, il congee della Principessa Mononoke (una specie di pudding ovviamente di riso) e anche la bento box de’ Il mio vicino Totoro.

Munitevi di hachimaki, accendete i fornelli, pronti? San, ni, ichi… via! 

princess mononoke youtube - princess mononoke

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >