Fail
di Gabriele Ferraresi 10 Febbraio 2016

7 pizze americane che ci perseguiteranno nei nostri peggiori incubi

Il #NationalPizzaDay a noi fa solo venire voglia di piangere fortissimo

mothership_pizza  Mamma pizza e le sue pizzettine

 

Parliamo di valori non negoziabili? Ok: e allora parliamo di pizzaperché il 9 febbraio negli Stati Uniti hanno celebrato il National Pizza Day, e c’è gran fermento anche oggi su Twitter, dove molti mostrano pizze che ritengono gustose, ma in realtà lo sono solo per i palati nordamericani. Visto che da questa parte dell’oceano fanno rabbrividire.

Di più, sono un’offesa: ma lo sappiamo, loro, gli americani, odiano la vera pizza italiana e abbiamo le prove.

Noi vogliamo mostrarvi 7 delle peggiori aberrazioni sul tema arrivate dagli Stati Uniti, per fare giustizia: perché queste non sono pizze, sono crimini contro l’umanità. E siamo certi che l’elenco potrebbe essere ben più lungo.

La pizza con gelato gusto pizza

pizzagelato  Un’offesa a tutto

 

Grottesca summa di italianità, potenziale frutto di un inciampo del cameriere che rovescia una coppetta sulla pizza appena uscita dal forno, non poteva che essere inventata negli States. La trovate da Pizza Brain a Philadelphia, e ovviamente le palline di gelato a che gusto sono?  Sono al gusto di pizza. Pizza margherita per la precisione “Vorrei una margherita, con il gelato: il gelato c’è al gusto pizza? Grazie!”.

 

La pizza con pasta e formaggio

Mac_and_Cheese_Pizza_Recipe  “L’orrore, sì, l’orrore”

 

In questo caso il ben noto principio americano del “mi piacciono due cose diverse, LE METTO INSIEME” viene applicato con grandissimo rigore. Questa pizza la chiamano “mac’n’cheese”, e quel “mac” sta per “macaroni”. Superfluo far notare che quelle nella foto sopra sono conchiglie, e non pensiamo neanche a quale tipo di formaggio possa essere stato utilizzato. Troppo dolore, troppo. Andiamo via.

 

La pizza con sopra altra pizza 

pizza_altra_pizza  Inception fatto con la pizza

 

Cosa c’è di meglio di una buona pizza? Un’altra pizza. Messa sopra alla pizza. Principio inventato e applicato con certosina dedizione da Vinnie’s, una pizzeria di Williamsburg, ben noto sobborgo fighetto in quel di New York. Questa è meno terribile delle altre, ma solo perché uno può spostare le fette. Ma perché non prendere due pizze separate, e non una pizza-bisarca allora… Pizza perdonali, perché non sanno quel che fanno.

 

La pizza con i mini hot dog nella crosta

pizzadog  E quelle cosa sarebbero, dita umane?

 

Gli americani sono così, se due cose sono buone separate, saranno buone anche insieme. Nessuno discute sulla bontà della pizza, nessuno discute sulla bontà degli hot dog, quindi perché non unirli in un Frankenstein di carboidrati, dove il cornicione si trasforma in una ripugnante serie di tozzi ditini bruciacchiati? Atroce, ne avevamo parlato in passato.

 

La pizza al bacon cheeseburger, con cheddar e cetriolini

bacon_chees_pizza  La persistenza del cetriolino

 

Instancabili, i popoli nordamericani propagano la sciagurata ideologia dell’addizione indiscriminata di cose buone: la pizza è buona, il cheeseburger con bacon è buono, perciò uniamoli, sarà tutto buonissimo. Sfortunatamente non sempre 1+1 fa 2, anzi, in questo caso 1+1 non fa “delizia” bensì “pizza ai limiti dell’intossicazione”. Occhio al formaggio: sembra cheddar. E occhio ai cetriolini: i cetriolini, potevate almeno togliere i cetriolini.

 

La pizza dolce che sembra un tiramisù al forno a legna

pizza_orrenda  Non è ben chiaro, ma è fatta così

 

La pizza dolce? La pizza dolce. E della pizza diciamolo, ha solo il nome ingiustamente usurpato, però la S’Mores Pizza esiste eccome: con tanto burro invece dell’olio, cookies al cioccolato, mini marshmallows. Slurp. Qui una ricetta per farla in casa, qualora vogliate autoescludervi dal consesso civile.

 

Mamma pizza le sue figlie pizzettine

mothership_pizza  Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione

 

Un sogno? Un incubo? In ogni caso, una pizza d’artista. L’ha pensata e realizzata John Riepenhoff, un artista americano. In pratica è una gigantesca mamma pizza coperta da tante altre piccole pizzettine: non è un mockup, volendo si poteva anche mangiare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >