Food
di Claudia Di Meo 9 Gennaio 2015

Gli utensili da cucina più strani e inutili che abbiate mai visto

Dalla pistola per le salse alla spina per bottiglie di plastica

Dopo la Rivoluzione industriale, la mente dell’uomo è diventata inarrestabile,  tanto da produrre ogni sorta di utensile che potesse aiutare e alleggerire il suo lavoro fisico. Soprattutto per la cucina, in passato regno esclusivo delle donne, sono stati inventati migliaia di pentole, scodelle, supporti e suppellettili per ridurre al minimo lo sforzo, spingendo forte sul tasto della creatività.

Se anche voi siete stufi di preparare le solite quattro cose, con le solite quattro padelle grigie e tristi, questa lista risveglierà la vostra voglia di stare in cucina.

1. Toast sorridente

Smile-Toaster-1

Si dice che non si è mai completamente vestiti senza un sorriso e così non rischierete mai di uscire nudi di casa. Forse penserete che questo tostapane sia inutile e in fondo non avete tutti i torti, ma perché accontentarsi del solito toast quando ne potete avere uno che vi sorride? La struttura in vetro poi è anche un pezzo di arredamento.

 

2. Forchetta arrotola spaghetti

spaghetti-roller

La buona notizia è che potrete finalmente smettere di usare il cucchiaio, che oltretutto è vietato dal galateo, la cattiva è che forse, se avete più di dieci anni, sembrerete dei cretini. Di sicuro sono divertenti, ammesso che non vi si scarichino le batterie nel bel mezzo di una carbonara.

 

3. Forbici per la pizza

pizza-scissors

L’immagine parla da sé, si tratta di una forbice con attaccata una paletta in modo da poter tagliare e contemporaneamente prendere la pizza con una sola mossa. Siamo tutti d’accordo che probabilmente trasportare un pezzo di pizza non sia un’operazione complicata, ma in questo modo potrete evitare di bruciarvi.

 

4. Cubo per uova

egg-cuber

È esattamente quello che sembra, un vasetto che trasforma le uova da ovali a quadrate, senza cucinarle o migliorarne il sapore. Inutile è l’aggettivo giusto, ma se siete degli eterni rivoluzionari, potrete emanciparvi dalla dittatura dell’ovoidale.

 

5. Porta coltelli killer

knife-block

Sicuramente non è un buon regalo da fare o vostra madre o vostra nonna, ma se siete degli amanti dell’horror non potete assolutamente perdervi questo ceppo per coltelli. Potrebbe anche fungere da repellente per i ladri, una serie di “attenti al cane” versione assassino.

 

6. Tempera carota

75

Dite addio a quei fastidiosissimi pelatori e al richio di tagliarvi via il dito ogni volta. Quando qualcuno vi chiederà di pelare le carote o le patate sarete felicissimi di dire si e divertirvi come bambini.

 

7. Il tuffatore

Screen-Shot-2014-08-14-at-10.51.33-AM-645x424

Dite addio alla dannata sensazione del latte sulle dita o a vedere il vostro biscotto sbriciolarsi un nanosecondo prima di addentarlo, questo stecco vi permetterà di immergerlo nel latte o nel thè senza più timori.

 

8. Pistola per salse

bb1

Inutile, totalmente inutile, ma volete mettere la soddisfazione di minacciare i vostri amici con una pistola piena di maionese o ketchup, sentendovi come Michael Douglas in un giorno di ordinaria follia?

 

9. Sputa noccioli

81f3b9d7f5c082493ca666cd90ac8180-645x808

I noccioli delle ciliegie sono i nemici più infidi dell’uomo, un po’ come i semi nei mandarini o i canditi nel panettone, sputarli è sempre un momento di grande imbarazzo e ingoiarli è un’opzione non consigliabile. Per fortuna è stato inventato questo simpaticissimo omino bianco che elimina i noccioli al posto nostro, per la serie “una ciliegia tira l’altra”.

 

10. Emoticon pancakes

smiley-pancake-pan

Pensavate di poter esprimere le vostre emozioni solo con whatsapp e facebook? Bene vi sbagliavate, infatti potete farlo anche con un pancake. Se dovete chiedere scusa ai vostri genitori, alla vostra ragazza o a chiunque altro, portategli una bella faccina a letto, attenti però a nascondere la pentola, potrebbero sempre tirarvela in testa.

 

11. Termo coltello

aaa2

Questo coltello si riscalda al contatto con la vostra mano e permette di tagliare il burro o il formaggio senza doversi sforzare. Anche questa è un’altra invenzione superflua, ma potrete far finta di essere più forzuti di quanto non siete in realtà: il trucco c’è, ma non si vede.

 

12. Spina domestica

cool-kitchen-gadgets-17

Finalmente non rischierete neanche più di farvi i muscoli alzando le bottiglie, il meccanismo è lo stesso del Tavernello, ma avrete la soddisfazione di sentirvi come il barista sotto casa.

 

13. Termometro per bistecche

cool-kitchen-gadgets-5

No, non serve per scoprire se avete la febbre ovina, ma vi salverà ugualmente la vita, togliendovi ogni imbarazzo nel cucinare la carne riuscendo finalmente a distinguere una bistecca cruda da una ben cotta, una al sangue da una a media cottura.

 

14. Biscotto gelato fatto in casa

dd3

Prima di vederlo non avreste mai pensato che vi occoresse qualcosa del genere, e forse non vi serve davvero, ma ora che l’avete visto non saprete rinunciare alla possibilità di farvi in casa decine di cuccioloni o simili, semplicemente mettendo dentro questo contenitore di silicone due biscotti e un po’ di crema.

 

15. Salva l’omino affogato

3759179

Questo gadget è l’ultimo della lista e in questo caso anche per importanza. Si usa più in bagno che in cucina ed è semplicemente un tappa lavandino, tuttavia se siete degli eterni bambini vi divertirete a fingere di salvare qualcuno ogni volta che vi lavate le mani o a fare scherzi ad amici e parenti.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >