il peperone crusco
Prodotti
di chiara dell'oro 28 Ottobre 2021

Il peperone Crusco, l’oro rosso della Basilicata

Chiamato anche l’oro rosso della Basilicata per la sue infinite modalità di utilizzo nella cucina, il peperone crusco è l’orgoglio della gastronomia lucana

 

Se mai vi è capitato di andare in Basilicata sicuramente avrete visto lunghe ghirlande rosse appese verticalmente sui balconi o accanto alle finestre delle case, e sicuramente vi sarete anche chiesti quale potesse essere il loro significato. In realtà un significato vero e proprio queste ghirlande non ce l’hanno e non si trovano nemmeno lì, sui terrazzi e sulle finestre, per un semplice scopo decorativo. Si tratta dei peperoni cruschi, l’oro rosso della Basilicata, una particolare varietà di peperoni diffusissima in tutta la Basilicata e presente anche in alcune zone della Calabria.

La storia dei peperoni cruschi risale al XVI, quando gli Aragonesi importarono il peperone in Italia dalle colonie spagnole presenti nelle Antille. A Senise, nel Parco del Pollino, i contadini impararono a coltivarlo e individuarono il modo migliore per valorizzarlo: attraverso la cucina.

È proprio per questo motivo che dietro al peperone crusco si nasconde una ricca tradizione secolare, colma di abilità legate all’agricoltura, alla cucina e persino al cucito. Abilità che hanno affascinato Gabriele Salvatores e che hanno ispirato la realizzazione del suo breve film dedicato alla Basilicata. Il video, realizzato per l’Expo di Dubai 2020, è molto breve e si apre con un’attenta panoramica sulle modalità di preparazione del peperone crusco: dalla raccolta fino ad arrivare alla sua conservazione.

https://www.youtube.com/watch?v=mfLy9UoOtvE

Le caratteristiche

Rispetto al normale peperone, il peperone crusco è molto più piccolo e caratterizzato da uno stupendo colore rosso intenso. Proprio per la sua forma può essere confuso con un comune peperoncino, ma non lasciatevi ingannare, il loro sapore è molto dolce per niente piccante.

Le caratteristiche peculiari del peperone crusco rimangono però la quasi totale assenza di acqua e un picciolo in grado di rimanere saldamente attaccato una volta che il frutto si è indurito. È grazie a queste particolarità che il peperone crusco si presta per essere essiccato.

 

Il peperone crusco di senise

Senise è la terra natia del peperone crusco. Il paese si trova in provincia di Potenza, nel Parco del Pollino, e i suoi peperoni dal 1996 possiedono il marchio I.G.P., ovvero prodotto ortofrutticolo a indicazione geografica protetta.

I locali chiamano il peperone crusco źafaranë crušchë, perchè una volta ridotto in polvere assume un colore simile allo zafferano e può essere utilizzato per colorare e insaporire qualsiasi tipo di piatto.

Grazie allo speciale microclima della località, nel corso dei decenni i contadini hanno potuto specializzarsi nella coltivazione di un prodotto di qualità diventato simbolo della cucina di un’intera regione.

A Senise il peperone è talmente popolare che ad agosto viene organizzata una festa in suo onore chiamata U Strittul ru Zafaran, Le giornate del Peperone di Senise

il peperone crusco di senise

Come nasce il peperone crusco

La nascita del peperone crusco prevede delle antiche procedure che devono essere rigorosamente rispettate per la buona riuscita del prodotto.

La semina inizia nel periodo tra febbraio e marzo e successivamente i peperoni vengono raccolti i primi giorni di agosto, quando hanno raggiunto un intenso colore rosso. Una volta raccolti vengono fatti essiccare in luoghi bui e asciutti, avvolti in teli di stoffa. La fase successiva coinvolge direttamente le donne lucane le quali, grazie a un’abilità acquisita col tempo e delle conoscenze tramandate da generazione a generazione, realizzano delle lunghe collane di peperoni con l’aiuto di ago e filo. Le collane possono essere lunghe fino a due metri e nel dialetto locale vengono chiamate serte. Sono queste le famose ghirlande che si vedono appese su tutti i terrazzi della Basilicata, poiché è fondamentale che i peperoni stiano al sole per poter concludere con successo il processo di essiccazione.

Proprio perché essiccato, il peperone crusco può essere utilizzato tutto l’anno in moltissime ricette, tradizionali oppure di propria fantasia.

il peprone crusco, l'oro rosso della basilicata

Come utilizzare  l’oro rosso della Basilicata

Prima di essere consumato il peperone crusco viene privato del picciolo e dei semi.

Successivamente viene fritto per pochi secondi in olio extravergine di oliva e poi conservato in freezer (oppure se è inverno sul davanzale della finestra). È a causa dello shock termico che il peperone acquista una consistenza croccante, ovvero crusca.

Una volta pronto le modalità di utilizzo sono infinite:

1- Può essere mangiato come snack durante un aperitivo, come se fossero delle patatine

2- Si può realizzare uno Zafran pisat (come dicono a senise), ovvero una polvere di peperone crusco da utilizzare come condimento per pasta, insalata, salse, carni rosse, baccalà, pizza ecc…

3- È perfetto come conservante naturale per i salumi

4- Inumiditi si ammorbidiscono e poi, se passati in pastella, possono essere aggiunti ai fritti misti

5- Può essere un contorno perfetto per i secondi piatti come la carne o il pesce

6- È l’ingrediente fondamentale per preparare i piatti tradizionali della cucina lucana, come il baccalà alla lucana o i Cavatelli (una pasta fatta a mano senza uova) con peperoni cruschi e mollica di pane.

 

Se vuoi trovare altre ricette che prevedono l’utilizzo di peperoni cruschi dai un’occhiata a questo sito

 

il peperone crusco

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >