Ristoranti
di redazione 3 Marzo 2020

La Fortuna di poter assaggiare la Cucina Dinamica di Simone Livraghi

Qualche giorno fa ci siamo recati a Campagnola Cremasca, a due passi da Crema e a meno di un’ora da Cremona, per andare ad assaporare La Fortuna Cucina Dinamica.

Nasce come bar – trattoria nel lontano 1974 dai genitori di Luca Mariani, che nel 1988 subentra insieme alla moglie Sonia; vent’anni dopo, oltre ad un restauro importante dell’intera struttura, Luca decide di iniziare un percorso di studio e ricerca nel campo dei lievitati. È nel 2013 che arriva un’altra importante novità, che porta il nome di  Simone Livraghi, lo chef che da quell’anno guida la cucina di Fortuna.

Al nostro ingresso l’accoglienza è garbata e attenta ai dettagli, in uno spazio moderno ma che allo stesso tempo di fa sentire a tuo agio. Luca ci accoglie e ci racconta qualcosa in più sulla storia del suo ristorante e traspare dai suoi occhi e dalle sue parole che sta parlando di casa, di famiglia, di un progetto che accuratamente nutre da tanti anni. La Fortuna è menzionata anche sulla Guida Michelin 2020 e i piatti che siamo andati ad assaggiare nel corso del pranzo sono stati un’ ulteriore conferma delle informazioni che avevamo a nostra disposizione, a partire dagli assaggi di benvenuto.

Da questo pranzo così speciale abbiamo capito almeno un paio di cose molto importanti quando si tratta di ristorazione. La prima è che si può fare una cucina di alto livello insieme a costi che rientrano nella norma (la carta del ristorante con i suoi prezzi ci ha piacevolmente sorpreso). La seconda è la giusta chiave di lettura che lo chef  Simone Livraghi vuole dare ai suoi piatti: si può sperimentare con tanti ingredienti diversi senza però stravolgerne i sapori, mantenendo la loro essenza e cercando di renderli condivisibili e apprezzabili ad un ampia collettività, attuando una specie di piccola terapia per le pupille gustative. Ora vi facciamo vedere perché.

Lievitato “Evergreen”: Broccoli, acciughe del Cantabrico, olive di Gaeta, stracciatella di Paestum, basilico

Dalla carta delle “Pizze” ci viene presentato questo piatto che è un tripudio di verde ma sopratutto di fragranza. La base di cereali rientra tra i pani più soffici e bilanciati che abbiamo mai provato; l’accostamento di broccoli, olive e stracciatella di Paestum poi fanno il resto da soli.

Tartare di capesante con carote gialle, maionese di corallo e liquirizia 

Leggerezza dei sapori e un’oculata cura dei dettagli sono la base di questa portata. La carota gialla fa da barca ad una tartare di capesante che ti fa fare un tuffo nel mare anche se sei lontano. L’impressione che questi piatti ci danno è che nulla viene lasciato al caso, la combinazione dei sapori è studiata al dettaglio per dare al cliente il miglior risultato anche in una portata così piccola.

Millefoglie di baccalà mantecato con bergamotto, broccoli e aglio nero

Questo è stato il primo colpo di fulmine dell’intero pranzo: al di là della reazione immediata che ti suscita la vista dell’impiattamento (bellissimo) facciamo fatica a mettere in parole la morbidezza e il bergamotto che ti si scioglie in bocca in questo taco versione millefoglie. E’ stato un piccolo miracolo riuscirlo a fotografare prima di mangiarlo in un sol boccone.

Battuta di Fassona piemontese, zuppa di pomodori e rape, miso e bergamotto 

I crudi sono una punto forte della cucina di Simone: se delle capesante ci aveva conquistato la delicatezza,  nella battuta di Fassona i gusti sono più decisi, a dare carattere ad un taglio di carne che deve essere valorizzato al meglio. Missione compiuta.

Risotto all’onda alla barbabietola, fonduta di comté e grue di cacao

Vi diciamo solo che una volta pulito l’intero piatto ci è stato portato anche il resto del tegame da condividere (un sogno che si avvera per noi in un ristorante!). Può essere una descrizione sufficiente? Assolutamente sì. Il cacao da quel tocco che non ti aspetti.

Maialino da latte cotto basso e poi arrostito, arancia, sedano rapa e miso

Il rumore della crosta di questo maialino è stato il primo segnale che ci ha fatto capire la cottura perfetta della carne. Un piatto contenuto nelle dimensioni che ti farebbe venire di voglia di chiederne ancora un po’ (e scoprire il segreto di come cuocerlo così bene).

Semifreddo al mango con nemelaka al caramello, gelato al fior di latte

Si apre il grande scenario dei dolci, e come ogni cucina che si rispetti è qui che si chiudono i conti finali. Il semifreddo al mango è perfetto per i palati che amano il dolce in quanto tale, naturalmente zuccherino e soprattuto fresco.

Tiramisù

Quando ce lo presentano lo introducono come “la nostra versione del tiramisù” e di tutte le versioni alternative che ci sono state propinate negli anni del dolce italiano più famoso in assoluto, al momento quello della Fortuna Cucina Dinamica non ha eguali.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >