Society
di redazione 7 novembre 2018

Questo ristorante svedese usa il cibo sprecato per dargli nuova vita

In Svezia l’attenzione per lo spreco alimentare e la creatività hanno fatto nascere un ristorante bellissimo.

Nord europei sempre con una marcia in più. 

In Svezia Erik Andersson ed Ellinor Lindblom sono una coppia non solo nella vita ma anche sul lavoro: entrambi giovanissimi sono chef del loro ristorante speciale che porta il nome di Spill, che in svedese significa “spreco”. Il nome non è messo lì a caso, perché il principio base di questo ristorante è quello di usare cibo prossimo alla scadenza, che altrimenti verrebbe ingiustamente buttato. Ogni giorno tonnellate di alimenti vengono scartati solo ed esclusivamente perché quasi arrivati alla loro fine, senza prendere in considerazione l’idea che potrebbero essere riutilizzati in maniera intelligente e soprattuto creativa.

 restaurangspill

Ristoranti intelligenti

Erik ed Ellinori riescono (in base agli ingredienti a disposizione) a programmare il loro menu day by day, o, se sono fortunati, con un paio di giorni in anticipo, questo perché ogni giorno è una nuova sfida con alimenti che vanno utilizzati istantaneamente, per garantirne la qualità e il sapore. Dopo aver lavorato per anni nella cucina di un ristorante stellato a Malmö i due hanno pensato fosse arrivato il momento di creare qualcosa di più personale, ma in una maniera speciale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da RestaurangSPILL (@restaurangspill) in data:

Se vi capita di passare dalla Svezia a Malmö e incrociare sulla vostra via Spill sappiate che oltre ad entrare in un luogo dove assaggerete cose speciali, locali e non, state anche evitando che tanto cibo venga buttato. L’augurio che Erik si fa è quello che un giorno non debbano più servire ristoranti del genere, è che l’attenzione allo spreco alimentare sia maggiore anno dopo anno.

Contro lo spreco alimentare

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da RestaurangSPILL (@restaurangspill) in data:

Queste sono cose belle.

CORRELATI >