Strano
di Simone Stefanini 22 Febbraio 2018

Abbiamo provato per voi il leggendario cavedano fritto in salsa di prugne cinese in scatola

Quante volte avreste voluto assaggiare questo ottimo pesce in scatola che si trova nei negozi di cibo cinese? Ci abbiamo pensato noi

Pausa pranzo a base di delizie

cinese

Nel caso vi recaste in via Padova a Milano, ormai gentrificata come Nolo, vi troverete in quelle vie in cui si va nella città dolente, si va nell’eterno dolore, si va tra la perduta gente, per rubare le parole all’ultimo soggiorno di Dante in zona. Stiamo giocando, non se la prendano i residenti (ciao Peppe), tuttavia può capitare di recarsi in loco per spese piuttosto borderline oppure per frequentare cattive compagnie, ma anche per fare esperimenti culinari di dubbio gusto.

Capita quasi per caso che in una delle tante pausa pranzo redazionali a base di delizie prese dal reparto gastronomia del supermercato, a qualcuno venga in mente quella scatoletta nella dispensa da almeno due anni, comprata al Milan Store di Via Padova da Bottura (non il cuoco) più per l’oggettiva bellezza della grafica che per il suo effettivo contenuto. Viene poi fuori che era stata comprata per farla recensire dal noto critico gastronomico Gabriele Ferraresi, il quale però a suo tempo appose un netto ed inspiegabile rifiuto alla proposta. La domanda che alberga nella sadica mente degli astanti è una sola: proviamola.

Un’apertura difficile

La scatola reca scritte in cinese ma ci viene in aiuto l’unica etichetta in inglese: Fried dace with plum vegetables, che tradotta sarebbe tipo Cavedano fritto in salsa di prugne. La confezione mostra la foto di un cavedano scontornato un po’ alla carlona, mentre poco sopra lo stesso cavedano è stilizzato graficamente in rosso.

Scatoletta con pregevole grafica orientale  Scatoletta con pregevole grafica orientale

Nell’aprire il packaging di latta, si rompe subito la linguetta e siamo costretti ad agire con un coltello, per aggiungere brivido al pericolo. Non appena il coltello affonda nella confezione, dall’interno della stessa esce un gas cripto-sulfureo che investe metà redazione. È l’odore di Satana in persona e il colore non è di quelli invitanti, un misto di toni di marrone che ricordano, beh, quello.

La prelibatezza non è ancora scaduta

La prelibatezza non è ancora scaduta, sembra che marcisca intorno al novembre del 2018 ma anche a febbraio non se la passa proprio bene. Non appena viene fatta girare per una sniffata collettiva, tutta la redazione si rifiuta di proseguire nell’esperimento. Restano gli stagisti. Lo sappiamo cosa state per dire: bastardi, approfittatori, persone inique. Esatto, ma solo per la scienza.

Dopo qualche minuto di training autogeno, riusciamo a convincere il più recente degli interni ad assaggiarne un solo boccone, per la gioia del giornalismo. Il pesce in realtà non sembra davvero fritto, forse lo era nel 2015 quando è stato confezionato, ma ora appare come il risultato di un orribile incidente nucleare e non si distingue granché dal resto del contorno, che ricordiamo essere di prugne, giusto per essere sicuri di guadagnarsi una dissenteria coi fiocchi alla fine della giornata.

Una volta in bocca, la consistenza pare sia gommosa e la prima cosa che il giovane Jedi riesce a dire tra una smorfia di disgusto e un conato è: “Non sa di pesce”. Il problema è che non riesce a capire quale sia la griglia di possibili somiglianze alimentari del cavedano fritto nelle prugne in scatola, quindi il suo sapore reale rimane un mistero insoluto nonostante la buona volontà.

Per completezza di informazione sappiate che la cavia sta bene, ha mangiato un bel po’ di pane per togliersi dallo stomaco le tracce del prelibato pesce e dopo aver bevuto un ettolitro d’acqua ha continuato a lavorare come se niente fosse.

Nonostante questa storia abbia il lieto fine, vi raccomandiamo di non provare questi esperimenti a casa, può darsi la nostra sia stata solo fortuna.

Alla prossima prelibatezza!

cinese  Cavedano cinese

 

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >