Veg
di Elisabetta Limone 5 Luglio 2018

Le 12 cose che ho imparato diventando vegana

Tutti i lati positivi di una scelta alimentare di vita

Qualche anno fa, complice anche il dibattito scatenato da Cruciani con le sue dichiarazioni al programma radiofonico La Zanzara, e tutto quello che ne conseguì (dall’intervento del Fronte Animalisti all’intervista doppia de Le Iene), sui media generalisti italiani si riaccese l’interesse nei confronti della dicotomia alimentare che vede schierati da una parte gli onnivori e dall’altra i vegan.

Green and veg

Ma diventare vegani, a parte presentarsi come una legittima scelta di vita, frutto di una propria filosofia e di un proprio credo anti-specista, che cosa può insegnarci? Una dieta avara di tutti i derivati animali come può migliorare il nostro stile di vita? In diversi modi, ovviamente. Ad esempio:

Aumenta la consapevolezza di quello che stiamo mangiando

Scegliendo di mangiare solo una determinata fascia di alimenti diventiamo più attenti, e di conseguenza più consapevoli, delle calorie che stiamo immagazzinando nel nostro corpo. Prima di acquistare qualsiasi cosa diventerà consuetudine consultare attentamente gli ingredienti di ogni prodotto, e tenderemo a comprare prodotti più sani.

Non è vero che si perde peso

Numerosi stereotipi dipingono i vegani come persone malnutrite, che non mangiano abbastanza, magri e deboli. In realtà non è assolutamente vero. Si mangia in maniera più pulita, e questo porta il nostro corpo a non accumulare massa grassa. La perdita di peso o meno dipende ancora dal nostro stile di vita, soprattutto extra-alimentare.

 unsplash

Anzi mangiamo molto di più

Quando mangiamo prodotti di origine animale introduciamo nel nostro corpo molte più calorie in rapporto alla quantità di cibo che ingeriamo. Quando passiamo a uno stile di vita vegan mangiamo molto più spesso cibi a basso contenuto calorico come frutta, verdura e cibi integrali, e soprattutto lo possiamo fare in quantità maggiori.

E questo aumenta l’energia del nostro corpo

Soprattutto se si mangiano cibi integrali HCLF, ad alto contenuto di carboidrati e basso contenuto di grassi. Si riesce a lavorare per 12-14 ore al giorno, e si ha ancora l’energia per fare sport nelle ore serali.

E le proteine?

 

Migliora la digestione

Bisogna dirlo! Se si hanno un po’ di problemi di stitichezza, una dieta vegan a base di verdura e cibi integrali aiuta a regolarizzare il nostro intestino, e, da un giorno all’altro, tutto inizierà a muoversi senza nessun tipo di intoppo.

 unsplash

Cucinare diventa più piacevole

Giocoforza siamo “costretti” a diventare più creativi in cucina. Questo ci porta a conoscere bene le materie prime di cui ci serviamo per preparare i nostri piatti e ad apprezzare ancora di più il cibo. Su VeganHome, così come su tanti altri siti, possiamo trovare centinaia di ricette per introdurci a questo mondo.

 

Ci saranno le persone che supporteranno questa scelta

O almeno, la maggior parte di loro. Quando siamo a tavola con familiari, colleghi o amici basterà sapere prima cosa si mangia. Qualcuno farà qualche battuta, certo, ma il più delle volte le persone, se sono aperte e intelligenti, saranno incuriosite da questo stile di vita e potrebbero nascere delle interessanti discussioni.

E altre che non lo faranno assolutamente. Ma ha importanza?

Scusa e le proteine? Hai bisogno di mangiare carne per avere la giusta dose proteine. E anche bere latte di mucca è importante per le ossa. Mangiare gli animali fa parte della nostra catena alimentare, dai!“. Mettere da parte l’ignoranza alimentare è la prima regola.

 unsplash

 

Mangiare fuori non è così complicato come pensi

È una delle prime paure, pensare di non poter andare fuori a cena perché non si è grado di mangiare qualsiasi cosa. Bene, sappiate che è sbagliato. Quasi tutti i ristoranti oggi hanno delle opzioni vegan nei loro menù. La domanda è in crescita e così anche l’offerta. Si può trovare sempre qualcosa di gustoso da mangiare, in ogni posto in cui vi recate con i vostri amici.

Si spende tendenzialmente di meno

Togliere i prodotti di origine animale dalla nostra spesa gioverà non solo alla nostra salute, ma anche al nostro portafogli. Fare shopping nei negozi bio è certamente costoso, ma se a quelli preferite l’ortofrutta sotto casa, ecco, la differenza si sentirà notevolmente.

 

Esiste un’alternativa per tutto

Magari non la bistecca di carne vegana, brutta da mangiare e da vedere, ma le alternative vegan di tanti prodotti (gelato, cioccolato, pizza, etc.) non ci faranno assolutamente rimpiangere nulla. Anzi, saranno molto più salutari per il nostro corpo.

Aumenta la propria consapevolezza dell’ambiente

Diventare vegan ha un impatto positivo sulla nostra salute, ma anche sull’ambiente che ci circonda. Ci rende infatti consapevoli dell’enorme impatto che il nostro stile di vita alimentare finisce per avere sul nostro habitat naturale. Se volete schiarirvi ulteriormente le idee, vi consigliamo la visione del documentario Cowspiracy. Dopo, potreste avere molto più chiari i veri motivi che dovrebbero spingervi ad abbracciare questa filosofia.

 unsplash

 

FONTE | Elite Daily.com

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >