Viaggi
di Simone Stefanini 17 Luglio 2018

Le 10 città italiane che fanno ingrassare (secondo la CNN)

Un giro d’Italia per chi ha deciso di non mettersi mai a dieta. MAI.

Quando gli americani ci vogliono insegnare come si mangia, ci viene un po’ da ridere. Pensate per esempio a come cucinano la pasta o alle quantità spropositate di junk food che servono comunemente nei loro piatti giganti.

La reporter Silvia Marchetti ha redatto un articolo per la CNN in cui segnala 9 luoghi in Italia, dai quali si esce inevitabilmente ingrassati. Noi, in realtà, diremmo semplicemente dove si mangia bene. Ne abbiamo aggiunto uno giusto per fare conto pari ma ce ne sarebbero migliaia di altri rimasti fuori. Vediamo un po’.

 

Randazzo, Sicilia

151111130107-3-randazzo-c-brioscia-con-t-exlarge-169 cnn - La granita siciliana

 

Siamo ai piedi dell’Etna, dove nasce la vera granita, che non è quella che siamo abituati a mangiare nei bar delle località di mare in continente. Leggenda vuole che i suoi abitanti l’abbiano inventata mischiando il succo di frutta con la neve che scendeva dal vulcano. La si può mangiare col cucchiaino nel bicchiere o, per farsi davvero male, dentro la brioscia col tuppo, (vedi foto). I locals hanno i loro rituali e usano la brioche come cucchiaio, per fare scarpetta. Un pranzo piuttosto equilibrato.

Se vi abbiamo fatto venir fame:  Pasticceria Musumeci, Piazza Santa Maria 5, Randazzo.

Caserta, Campania

151111130303-caserta-mozzarella-twisting-exlarge-169 cnn - La mozzarella di bufala

 

La CNN ci tiene a precisare che Caserta è il quartier generale della Camorra, così, per fare colore. Ok, però è anche la patria della mozzarella di bufala. Densa, bianca, dolce-amara, da cui esce il latte quando la mordi. È dal 12° secolo che esiste, l’hanno inventata i monaci e poi l’hanno tramandata alle generazioni successive. Più è grande, più è buona. Altro che cheddar.

Se vi abbiamo fatto venir fame:  Ristorante Le Colonne Marziale, Viale Dohuet 7, Caserta.

Ma che ne sanno

 

Norcia, Umbria

151111130755-nursia-donkey-balls-and-poc-exlarge-169 cnn - I salumi di Norcia

 

Più che a Norcia, se si visita l’Umbria si va obbligatoriamente a Perugia e Assisi (o Gubbio per vedere se c’è davvero Don Matteo, n.d.r.). Nonostante questo Norcia si difende bene, anche perché la sua fama è piuttosto nota. A Norcia fanno dei salumi che fanno piangere da quanto sono buoni. Maiale, cinghiale, non si butta via nulla. Aromatizzati col pepe o col tartufo, da impazzirci. Ci sono anche i coglioni di mulo, che purtroppo non sono veri e propri testicoli equini, ma salami tondeggianti con lardello di grasso di maiale. Accompagnato da un vinello rosso, è tutta salute.

Se vi abbiamo fatto venir fame: ogni salumeria di Norcia è buona.

 

Milano, Lombardia

151111130915-panettone-2--c-repanettone-exlarge-169 cnn - Il panettone

 

Che a Milano s’ingrassi, ci torna nuova. Eppure è segnata tra le città che rendono obesi per via del panettone. Tutti sapete di cosa stiamo parlando quindi evitiamo la didascalia. Occorre però ricordare agli americani che questo è un dolce tipico natalizio, non è che i milanesi quando escono per mangiare qualcosa a luglio, prendono la pasta e poi il panettone. In ogni caso, siamo nel periodo giusto, quindi approfittatene senza rimorsi. Diciamo che, in questo caso, una cotoletta alla milanese forse sarebbe stata più adatta.

Se vi abbiamo fatto venir fame: Pasticceria T’a Milano, via Clerici 1, Milano.

Tour gastronomico

Borgo di Carpiano, Umbria

151111130146-borgo-di-carpiano-isolated--exlarge-169 cnn - L’agriturismo

 

Apprendiamo che in questo agriturismo, ex villaggio fantasma, non si fa altro che mangiare e bere bene, meglio dei ristoranti Michelin. Prosciutto e formaggio, mostarde, miele e bruschette come antipasto o colazione e poi burrata, porcini fritti, carpaccio d’anatra, pasta al pesto e menta. Ok, è un agriturismo come tipo un milione di altri nel centro Italia, ma per curiosità una visita ce la faremo.

Se vi abbiamo fatto venir fame: Borgo di Carpiano, Gubbio, PG.

 

Orgosolo, Sardegna

151111130835-orgosolo-cortes-apertas-ham-exlarge-169 cnn - I salumi di Orgosolo

 

Orgosolo non è proprio il posto da VIP in Sardegna, lo sappiamo. Niente spiagge, ma monti impervi e pastori, che tradizionalmente non è che sono proprio al settimo cielo quando arrivano i turisti. In inverno però le cose cambiano, aprono le stalle e le taverne per Cortes Apertas, facendo gustare le specialità della zona ai visitatori. Porceddu, miele, formaggio e vino buono. Vale la pena spostarsi dal mare per fare una gitarella di quelle che fanno bene allo stomaco.

Se vi abbiamo fatto venir fame: Sa e’ Jana, via Catte 2, Orgosolo.

 

Matera, Basilicata

151111130420-matera-crusco-chillis-c-la--exlarge-169 cnn - Il peperoncino

 

Innanzitutto, la Basilicata esiste e se visitaste i Sassi di Matera, brucereste anche qualche caloria. Ma la cosa più deliziosa da quelle parti è il peperone di Senise, il peperoncino crusco, secco, croccante e dolce-amaro. Si mangiano a manciate, come i pop-corn. Quando si inizia, fermarsi è impossibile. Stanno benone anche sulla pasta e sul pane. Poi, camminate nelle grotte per smaltire.

Se vi abbiamo fatto venir fame: ristorante La Talpa, via Fiorentini 167, Matera

 

Vasto, Abruzzo

151111131126-vasto-brodetto--guazzetto-s-exlarge-169 cnn - ll brodetto

 

Siamo nella Costa dei Trabocchi, east coast of Italy. A Vasto le casette dei pescatori si sono trasformate in ristorantini in cui mangiare i pesci pescati di fresco e il brodetto alla vastese, cioè una zuppa con scorfano, trascina, testone, lucerna, pannocchia, seppia, triglia e tutti gli altri pesci di scoglio ai quali si aggiungono scampi, calamari, palombo e razza. Più pomodoro fresco, peperone dolce, peperoncino piccante, prezzemolo e aglio. Si sente il profumo fino qui.

Se vi abbiamo fatto venir fame:  ristorante De Marino, via Cavour, Vasto

Da Nord a Sud

 

Modica, Sicilia

151111130630-modica-rough-texture-chocol-exlarge-169 cnn - La cioccolata

 

Una parola sola: cioccolata. Da generazioni, a Modica si crea l’alimento più godurioso al mondo e, per chi non fosse tanto pratico di geografia, siamo piuttosto lontani dalla Svizzera. Tutto fatto a mano, nessun processo industriale, come facevano gli aztechi. Può essere profumata al pistacchio, alla vaniglia, al peperoncino, alla cannella e al bergamotto. Una vera delizia.

Se vi abbiamo fatto venir fame:  Caffè dell’Arte, C.so Umberto 114, Modica

 

Firenze, Toscana

La fiorentina tuscanypeople - La fiorentina

 

L’ultima, amici della CNN, la aggiungiamo noi. Perché non si può visitare l’Italia e le sue bellezze senza provare la vera bistecca alla fiorentina. Lombata di vitellone o scottona ci razza chianina, alta 3 dita, con l’osso a forma di T incorporato. Cotta fuori, quasi cruda dentro. Si prepara dai tempi dei Medici e si degusta con del buon Chianti. E lo sappiamo che in Texas non scherzate per niente su questi argomenti, ma qui si parla di altri campionati.

Se vi abbiamo fatto venir fame: ristorante La Spada, via della Spada 62r, Firenze

FONTE | CNN

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

4,00 €

Bacchette cinesi in acciaio

Realizzate in acciaio inox, queste chopstick sono facili da maneggiare e riutilizzabili. Custodiscile nella tua cucina per gustare una cena asiatica direttamente a casa tua. CARATTERISTICHE dimensioni 23 cm design quadrato   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30 gg.    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >