Viaggi
di Simone Stefanini 22 Aprile 2016

Street food, le 10 specialità più buone d’Italia

I cibi più buoni della tradizione italiana

jhgfdlh huffingtsonpost.com

 

Lo street food esiste da una vita, solo che si chiamava in un altro modo, a seconda del luogo in cui veniva cucinato. Si parla del cibo, spesso povero, tipico dei chioschi all’aperto che si trovano praticamente in ogni città italiana, ognuna coi suoi prodotti tipici e il suo gusto particolare.

Certo, Chef Rubio e i suoi programmi tv hanno contribuito enormemente a dare visibilità a quelli che della cucina sembrano gli ultimi e invece, come ci ha dato lui stesso quando l’abbiamo incontrato al Better Days Festival“Le persone che cucinano nel mio programma servono per far vedere agli spettatori che, passo dopo passo, tutti possono imparare a cucinare. Che la cucina è democrazia, che appartiene a tutti e che se alla gente si toglie la possibilità di imparare a cucinare, ci sarà sempre una frattura insanabile tra il cuoco, che spesso fa il fenomeno,  e il pubblico”.

Qui sotto troverete un giro d’Italia di sapori, di sensazioni tattili, di gusti per palati non esattamente fini, ma genuini e molto buoni. Non è una classifica. Fosse per noi, mangeremmo tutti questi piatti ora, adesso, insieme.

 

10) Pane e panelle 

pane-panelle-palermo1 apatia.info

La ricetta siciliana per eccellenza, il pane con la frittela fritta di ceci, spesso consumato insieme alle crocchette di patate (per stare leggeri). La sua variante livornese è il 5 e 5, in cui si serve la farinata di ceci dentro una focaccia chiamata schiacciata.

 

9) Bombetta 

bombette-ripieno braciamiancora.com

Una ricetta di quelle che fanno piangere di bontà: involtini di maiale (o di vitello) ripieni oppure avvolti di pancetta, con un cuore di caciocavallo. Si mangia in tutta la Puglia, in special modo a Martina Franca, Cisternino, Locorotondo e Alberobello.

 

8) Panissa

Panissa_ai_cipollotti wikipedia.org

Piatto tipico ligure. Gli ingredienti sono gli stessi della farinata di ceci, senza però l’olio d’oliva. Si taglia a cubetti e si serve freddo o tiepido con olio, limone e cipolla. Il piatto ligure è del tutto diverso dal piatto piemontese, guai a sbagliare.

 

7) Lampredotto

imgp4184 tightlines.it

Piatto tipico fiorentino a base di stomaco di bovino. Ok, detto così suona male e invece è prelibato e va a nozze con la salsa verde. Si gusta sopra le fette di pane abbrustolito oppure nel più classico panino, che è ala morte sua.

 

6) Sgagliozze

 amazon.com

Chi visita Bari non può non provare le sgagliozze, la polenta fritta che veniva cucinata per ore e ore da Finella, sotto l’arco di Bari vecchia. Il settimanale Newsweek le ha messe tra le 101 meraviglie gastronomiche d’Europa e un motivo ci sarà. Servite caldissime e cosparse di sale durante le sagre, tengono viva la tradizione culinaria pugliese.

 

5) Pani câ meusa

Sandwich with spleen. typical Sicilian food mangiarebuono.it

Questo panino è un’esclusiva di Palermo e consiste in una pagnotta morbida chiamata vastella, spolverata di sesamo, imbottita di pezzi di milza, di fegato e di polmone di vitello, soffritti nella sugna. Il panino può essere integrato con caciocavallo grattugiato o ricotta.

 

4) Frittatina di pasta 

frittatine-napoletane1 misya.info

Ricetta napoletana d.o.c., una tira l’altra e non si può smettere di mangiarle. Prendete la i bucatini, la besciamella, prosciutto cotto e piselli, e poi via di frittura. I napoletani la mangiano per aprirsi lo stomaco, prima di una pizza come dio comanda.

 

3) Arancine di riso

arancini-astice silviocicchi.com

Di nuovo a Palermo, troviamo uno dei piatti street più famosi: le arancine di riso, dei timballi fatti di riso e ripieni con ragù o formaggio e prosciutto, poi impanati e fritti.  Una particolarità: a Palermo le arancine sono femminili, mentre a Messina, nella Sicilia Orientale e in tutto il resto d’Italia, cambiano sesso diventando maschili (arancini).

 

2) Arrosticini 

arrosticini2 turismoteramo.it

Gli arrosticini sono sinonimo di Abruzzo. Spiedini di carne di pecora che in alcune zone sono chiamati rustelle, dalla cui variante ha origine il nome dell’equivalente ligure (fatte con carne di capra). Da farne indigestione.

 

1) Folpetti 

067-nereo-andreazzi-folpetti streetfood42.com

Saliamo in Veneto per i folpetti, i moscardini bolliti e serviti con salsa al prezzemolo, olio, pepe e succo di limone appena spremuto, su di una fetta di pane. Una delizia che può essere accompagnata da una fetta di polenta, frittelle di seppia o polpette di gamberi.

 

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >