Kulfi il gelato tradizionale indiano

Kulfi il gelato tradizionale indiano

Quando si parla di cucina indiana, spesso si tende a trascurare tutti i suoi dolci. Si conoscono i pakora, si ama il pollo al curry e si cucina molto spesso il chana masala, ma fidatevi, la sua pasticceria è altrettanto ricca di ricette davvero squisite. Una di queste è il kulfi, il gelato tradizionale indiano che non tutti conoscono ma che è davvero DAVVERO squisito e fortunatamente nemmeno impossibile da preparare.

 

Cos’è il kulfi

Il kulfi (o anche chiamato qulfi) è un dolce simile al gelato, diffuso in tutto il subcontinente indiano e nel Medio Oriente.

Il termine kulfi proviene dal persiano e significa “coppa coperta”. Molto probabilmente le origini di questo dolce risalgono al XVI secolo. Secondo alcuni racconti storici, durante l’impero Moghul, in occasioni di cerimonie importanti, venivano servite particolari coppe metalliche a forma di cono, contenenti un dolce a base di latte evaporato, aromatizzato con pistacchi e zafferano. I recipienti venivano immersi nel ghiaccio che arrivava direttamente dall’Himalaya e il dolce poteva così essere servito fresco.

Oggi il consumo del kulfi, il gelato tradizionale indiano, è estremamente diffuso e per le vie delle città indiane è molto comune trovare per le strade bancarelle di venditori ambulanti di kulfi chiamati kulfiwallahs. Come in passato conservano i loro kulfi in vasi di terracotta detti matka, che sono pieni di ghiaccio e mantengono al fresco il gelato. Il dolce viene servito a forma di cono su un vassoio o più comunemente con un bastoncino di legno, proprio come i nostri classici ghiaccioli.

 

Le differenze tra il gelato e il kulfi

Il kulfi si differenzia dal gelato per i sapori ricchi, tipici della cucina indiana, che lo rendono un prodotto unico nel suo genere.

A differenza del gelato, il kulfi non viene montato, presenta una consistenza più densa e cremosa e impiega più tempo a sciogliersi.
Si dice inoltre sia anche più sano, in quanto non include additivi o aromi artificiali. Non si usano uova, ma solo latte evaporato, e in alcuni casi (in base al tipo di ricette) anche della panna fresca.

Il segreto della preparazione del kulfi risiede nella cottura del latte: viene aromatizzato con del cardamomo e lasciato a bollire per diversi minuti fino a quando perde volume, ma acquisisce un sapore davvero delizioso.

Kulfi il gelato tradizionale indiano

I gusti del kulfi

I gusti del kulfi sono davvero particolari e in linea con i sapori tipici indiani. Scordatevi i classici gusti del nostro gelato come  fragola, cioccolato e limone, e preparatevi a qualcosa di completamente diverso.

Tra i gusti più tradizionali troviamo rosa, mango, cardamomo (elaichi), zafferano  (kesar o zafran), pistacchio e crema malai, il gusto più classico in assoluto e leggermente più cremoso rispetto agli altri. Malai è un particolare tipo di panna originaria del subcontinente indiano e viene utilizzata frequentemente nella preparazione dei dolci.

Per chi non ama i cibi speziati esistono anche delle varianti moderne, come arachidi e avocado, e persino maggiormente in linea con i sapori occidentali, come mela, arancia e fragola.

 

Come si prepara il kulfi il gelato tradizionale indiano

Gli ingredienti principali utilizzati per preparare il kulfi sono latte evaporato, zucchero e spezie tipiche della cucina indiana come cardamomo, zafferano e acqua di rose.

Su internet si possono trovare diverse ricette. Le più tradizionali sono leggermente complesse da preparare a casa, ma esistono anche delle ricette semplificate e soprattutto più veloci.

Come per tutti i dolci della cucina indiana, il segreto per preparare un buon kulfi è avere pazienza. Dovrete portare a bollore il latte aromatizzato con cardamomo (e in base alle ricette anche zafferano o acqua di rose), continuando a mescolare fino a quando non si sarà ridotto di un terzo. La cottura richiede circa 20 o 30 minuti e dovrete fare molta attenzione a non far bruciare il latte sui lati della pentola.
Successivamente si aggiunge lo zucchero e poi lo si mette a congelare in freezer per 8 ore o una notte intera.
Utilizzate dei piccoli contenitori, possibilmente di alluminio e a forma conica (come quelli tradizionali indiani), che prima di riporre nel freezer dovrete chiudere con un foglio di alluminio.

Come servire il kulfi? Preparate una bacinella di acqua calda, immergete il contenitore di alluminio per qualche secondo e poi con uno stuzzicadenti lungo, o un bastoncino da gelato, infilzate il kulfi e estraetelo piano dal contenitore. Adagiate tutti i kulfi su un piatto e decorateli con della granella di pistacchio o di mandorle.

 

Se volete cimentarvi nella preparazione del Kulfi, queste sono 2 ricette semplici e veloci a cui potete affidarvi:

Kulfi al cardamomo: tra i gusti tradizionali del kulfi non si può non provare la versione al cardamomo, una spezia che, se utilizzata nelle dosi giuste, regala alle proprie ricette dei sapori davvero particolari. Provare per credere!.

kulfi al mango: il kulfi al mango è uno dei più amati. La ricetta si discosta leggermente dalla preparazione tradizionale, ma è più veloce e semplice da preparare, e il risultato è comunque buonissimo.

Kulfi al pistacchio: se invece volete provare il kulfi al pistacchio, seguendo questo video potete cucinarlo insieme allo chef Varun Inamdar, che nel mentre vi spiegherà anche tutti i trucchetti per renderlo ancora più buono e per servirlo nel modo migliore

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >