Food
di Elisabetta Limone 27 Gennaio 2015

Gli americani sono sicuri: la vera pizza italiana fa schifo

Contro il forno a legna, contro la Margherita, contro tutto quello che pensavate fosse impossibile odiare

BoxVHsA

Poche cose sono certe in questo mondo in continuo cambiamento. Anzi, pochissime e sempre meno. Tra queste: la settimana ha sette giorni, 6 x 8 fa 48 e la pizza italiana è la migliore del mondo. Su questo terzo punto non credevamo ci potessero essere obiezioni, ma la dura realtà è sempre pronta a sorprenderci.

Il simpatico ragazzotto che vedete in foto è italiano e vive a Londra. Dopo aver passato diverso tempo ad ascoltare i suoi coinquilini chiamare “pizza” delle strane forme di cibo, ha deciso di mettersi d’impegno e di fare assaggiare loro una pizza come si deve. Ha preso tutti gli ingredienti e ha fatto da solo quattro pizze.

Tutto fiero e orgoglioso è andato su Reddit e ha postato la sua foto, sicuro di ricevere complimenti e virtuali pacche sulla spalla. Ecco, non è andata proprio così, perché in mezzo a una serie di commenti interessati a ricetta e preparazione, sono comparsi tantissimi commenti che sostenevano l’insostenibile: non solo che la pizza italiana non sia la migliore (e vabbè, siamo democratici, qualcosa possiamo pure accettarlo), ma che faccia proprio schifo e che sia nettamente peggiore di quella di grandi catene americana come Pizza Hut o Domino’s.

Mentre leggevamo sempre più increduli, abbiamo capito che non potevamo fare altro che condividere con il mondo questa eresia.

[foto via, commenti via]

Schermata 2015-01-27 alle 10.31.48

Credo che la pizza sia uno di quei pochi piatti migliorato dalla vendita industriale.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.33.18

Gli italiani non usano abbastanza formaggio (reperto A nella foto), quando mordi una pizza senti soprattutto il pomodoro. Gli italiani amano la salsa sulla pizza più che gli abitanti di altre nazioni. La miglior pizza che abbia mai assaggiato l’ho mangiata in Francia, dove amano il formaggio, usano ottimi ingredienti e il forno a legna. Hanno un migliore equilibrio tra pomodoro e formaggio. Non voglio prendermela con la pizza italiana, ma è assolutamente sopravvalutata.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.32.19

Andato in Italia, non amato la pizza.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.34.41

La pizza italiana in effetti è solo una focaccia. Non è più pizza. La parola pizza non significa più quello che voleva dire un tempo.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.46.16

Ho assaggiato la “vera” pizza artigianale diverse volte e sono state tra le peggiori pizze che abbia mai mangiato. Preferisco una Little Caesars con salsiccia e salame piccante a una pizza cotta in un forno a legna con origano e qualche merda.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.44.00

Buon per te, amico, ma la crosta è più pallida di Michael Jackson

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.30.36

Fuori dalla foto: i compagni di stanza del tizio che mangiano controvoglia la pizza, pensando: “sì, ok, non è male ma vorrei una vera pizza, non un po’ di focaccia e una marinara”.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.37.52

Ho mangiato due volte la vera pizza italiana, in Italia. Non mi ha detto niente. Molto meglio il mio cazzo di Philly Cheese Steak (questo panino, NdR) di Domino’s Pizza

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.32.26

Ho mangiato tre volte la pizza in Italia e sono state le tre pizze peggiori che abbia mai mangiato. Tutta la vita Pizza Hut rispetto alla pizza italiana.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.27.23

Cosa diavolo è quella roba?

 

Schermata 2015-01-27 alle 11.40.56

Mangiare una pizza in un ristorante di Napoli mi ha fatto capire che voglio tantissimi Stati Uniti sulla mia pizza. Una pizza non è una bava di formaggio e pomodori acquosi su un pezzo di cartone. Sono molto critico nei confronti degli Stati Uniti, ma quando penso alla NASA e a quello che hanno fatto alla pizza li perdono (un po’).

 

Schermata 2015-01-27 alle 11.43.50

Sembra una schifezza. Pizza Hut è ottima.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >