Food
di Elisabetta Limone 27 Gennaio 2015

Gli americani sono sicuri: la vera pizza italiana fa schifo

Contro il forno a legna, contro la Margherita, contro tutto quello che pensavate fosse impossibile odiare

BoxVHsA

Poche cose sono certe in questo mondo in continuo cambiamento. Anzi, pochissime e sempre meno. Tra queste: la settimana ha sette giorni, 6 x 8 fa 48 e la pizza italiana è la migliore del mondo. Su questo terzo punto non credevamo ci potessero essere obiezioni, ma la dura realtà è sempre pronta a sorprenderci.

Il simpatico ragazzotto che vedete in foto è italiano e vive a Londra. Dopo aver passato diverso tempo ad ascoltare i suoi coinquilini chiamare “pizza” delle strane forme di cibo, ha deciso di mettersi d’impegno e di fare assaggiare loro una pizza come si deve. Ha preso tutti gli ingredienti e ha fatto da solo quattro pizze.

Tutto fiero e orgoglioso è andato su Reddit e ha postato la sua foto, sicuro di ricevere complimenti e virtuali pacche sulla spalla. Ecco, non è andata proprio così, perché in mezzo a una serie di commenti interessati a ricetta e preparazione, sono comparsi tantissimi commenti che sostenevano l’insostenibile: non solo che la pizza italiana non sia la migliore (e vabbè, siamo democratici, qualcosa possiamo pure accettarlo), ma che faccia proprio schifo e che sia nettamente peggiore di quella di grandi catene americana come Pizza Hut o Domino’s.

Mentre leggevamo sempre più increduli, abbiamo capito che non potevamo fare altro che condividere con il mondo questa eresia.

[foto via, commenti via]

Schermata 2015-01-27 alle 10.31.48

Credo che la pizza sia uno di quei pochi piatti migliorato dalla vendita industriale.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.33.18

Gli italiani non usano abbastanza formaggio (reperto A nella foto), quando mordi una pizza senti soprattutto il pomodoro. Gli italiani amano la salsa sulla pizza più che gli abitanti di altre nazioni. La miglior pizza che abbia mai assaggiato l’ho mangiata in Francia, dove amano il formaggio, usano ottimi ingredienti e il forno a legna. Hanno un migliore equilibrio tra pomodoro e formaggio. Non voglio prendermela con la pizza italiana, ma è assolutamente sopravvalutata.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.32.19

Andato in Italia, non amato la pizza.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.34.41

La pizza italiana in effetti è solo una focaccia. Non è più pizza. La parola pizza non significa più quello che voleva dire un tempo.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.46.16

Ho assaggiato la “vera” pizza artigianale diverse volte e sono state tra le peggiori pizze che abbia mai mangiato. Preferisco una Little Caesars con salsiccia e salame piccante a una pizza cotta in un forno a legna con origano e qualche merda.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.44.00

Buon per te, amico, ma la crosta è più pallida di Michael Jackson

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.30.36

Fuori dalla foto: i compagni di stanza del tizio che mangiano controvoglia la pizza, pensando: “sì, ok, non è male ma vorrei una vera pizza, non un po’ di focaccia e una marinara”.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.37.52

Ho mangiato due volte la vera pizza italiana, in Italia. Non mi ha detto niente. Molto meglio il mio cazzo di Philly Cheese Steak (questo panino, NdR) di Domino’s Pizza

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.32.26

Ho mangiato tre volte la pizza in Italia e sono state le tre pizze peggiori che abbia mai mangiato. Tutta la vita Pizza Hut rispetto alla pizza italiana.

 

Schermata 2015-01-27 alle 10.27.23

Cosa diavolo è quella roba?

 

Schermata 2015-01-27 alle 11.40.56

Mangiare una pizza in un ristorante di Napoli mi ha fatto capire che voglio tantissimi Stati Uniti sulla mia pizza. Una pizza non è una bava di formaggio e pomodori acquosi su un pezzo di cartone. Sono molto critico nei confronti degli Stati Uniti, ma quando penso alla NASA e a quello che hanno fatto alla pizza li perdono (un po’).

 

Schermata 2015-01-27 alle 11.43.50

Sembra una schifezza. Pizza Hut è ottima.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >