Polemica
di Simone Stefanini 13 Aprile 2016

Secondo gli americani il migliore posto del mondo dove mangiare la pizza non è l’Italia

Spoiler: al primo posto non c’è Napoli né un’altra città italiana, ed è subito rissa

wtuyeaghsbdf via - Tu vuò fa l’americano?

 

Non siamo mica gli americani, cantava un giovane Vasco Rossi per definire la netta differenza tra uno nato a Zocca e uno nato nello Utah. Di certo, in cucina la differenza si sente parecchio. Nel primo viaggio negli Stati Uniti capita a tutti di ingrassare almeno 5 kg e di tastarsi spesso il braccio sinistro come a prevedere un infarto, viste le porzioni magnum di cibo da cercare tra i litri di salse, aromi e trigliceridi vari.

Però gli USA non sono solo junk food, sono anche pizza. Ecco, magari non dovrebbero sforzarsi nel fare gli intenditori, come invece è capitato al buon Daniel Young del sito Condé Nast Traveler, che si è sentito in dovere di redigere una classifica urbi et orbi agli americani in fatto di migliori città al mondo in cui mangiare la pizza. Vi spoileriamo subito che al primo posto non c’è Napoli, né una città italiana. Sorpresi?

Non dovreste, perché gli americani hanno già dichiarato più volte che la pizza italiana fa schifo e poi, poveri stelli, basterebbe vedere il loro tutorial per cucinare la pasta, per essere estremamente infastiditi dalla saccenza con sui si lanciano in giudizi nei campi che non gli competono.

Le facciamo mai noi le classifiche sulle migliori armi da portare a scuola? Quelle sugli stati da evitare se sei di colore? Quelle su quale sport ti può far vincere una borsa di studio? No. A ognuno il suo, ammerigani.

Di seguito, per farvi fare due risate, la classifica USA con le foto originali. Ed è subito rissa.

 

14) Las Vegas

pizza-cities-las-vegas-pizza-rock-cr-courtesy via

Eccoci, partiamo subito con la prima bestemmia. Las Vegas non era nota soprattutto perché ti potevi sposare nella cappella di Elvis con gli sconosciuti in 10 minuti dopo aver perso tutto il giorno prima al casinò ed esserti ubriacato fino a perdere i sensi? Mi dite in quello stato com fai a capire se la pizza è buona o no? Infatti nella foto qua sopra fanno le fette biscottate decorate.

 

13) Los Angeles

pizza-cities-los-angeles-mozza-cr-courtesy via

L.A. non è esattamente la patria del minimalismo, come ben sapete. Vuoi per Hollywood, per le ragazze discinte che ballano la musica dei Mötley Crüe sulla Sunset Strip davanti a tipi strafatti di meth. Sarà per questo che poi ogni pizza sembra buona, anche il ciambellone toscano della nonna con nel mezzo il sugo per la pasta, come in foto.

 

12) Philadelphia

pizza-cities-philly-nomad-cr-courtesy via

Fa piacere che ancora non ci sia una città italiana. Di Philly ci fanno vedere questa bella pizza con la salsiccia bruciata e le escrescenze tipo il compagno delle medie con l’acne. Poi magari è buonissima, specie se hanno usato la Philadelphia. Ah ah ah battutona.

 

11) Milano

pizza-cities-milan-dry-cr-courtesy via

Milano, famosa in tutto il mondo per il mandolino e per la pizza. Forse. Di sicuro c’è quella che hanno messo qui sopra non è una vera pizza, ma una micro roba fatta apposta per gli aperitivi a 10 euro a drink. Una cosa figa e chic per gente che non ha fame.

 

10) Palermo

pizza-cities-palermo-Perciasacchi-cr-courtesy via

Dai che si inizia a ragionare. Anche gli americani, dopo 5 tentativi, almeno uno lo buttano dentro. Ecco la mega pizza con le verdure vendicative, quelle che digerisci tre giorni dopo, mentre pensi ad altro. Un ruttino al peperone e via, sai che ce l’hai fatta. In ogni caso, per ora a foto vince Palermo.

 

9) Firenze

pizza-cities-florence-mercato-cr-courtesy via

Se capito a Firenze, ordino una pizza e mi arriva questa cosa qui, sbaracco il tavolino e verosimilmente deve giungere l’Arma a calmarmi, minacciando il penale. E invece, guarda un po’, gli americani vanno matti per questa stella a 8 punte costellata di boh, salsa verde e basilico? A casa mia si chiama scarpetta.

 

8) Edmonton (Canada)

pizza-cities-edmonton-Rose-Bowl-Pizza-and-Rouge-Lounge-cr-courtesy via

Per essere politically correct, l’americano butta dentro anche la pizza canadese, che già solo a guardarla poi dovete fare un’ora di step per bruciare i grassi. È anche vero che in Canada c’è freddo, ma se mangiate tutti i giorni questo pizzone mozzarella, salamino e colesterolo potreste non arrivare all’estate.

 

7) Venezia 

pizza-cities-venice-Tre-Leoni-La-Pizzeria-con-Cicchetteria-cr-courtesy via

Dai, anche Venezia se la cava bene, con questa pizza con dentro tutto, come dal kebabbaro. Occorre informare gli americani che nessun italiano entrerebbe mai in un ristorante a Venezia, perché il conto potrebbe equivalere a un quarto del proprio stipendio mensile.

 

6) New Haven (Connecticut)

pizza-cities-new-haven-frank-pepe-cr-getty via

A caso. Leggo la didascalia e trovo una descrizione tipo: c’è una pizzeria napoletana che sembra di essere in Italia. Allora perché poi hanno allegato la foto di una pizza tutta bruciata con sopra una roba che sembra broccoli? Non scherziamo sulle cose serie, su.

 

5) Napoli

pizza-cities-naples-50-kalo-cr-courtesy via

Ah, un po’ di pace. Godetevi lo spettacolo della pizza Margherita in foto, perché se Napoli è al quinto posto, significa che tutte le voci successive saranno una cazzata.

 

4) Orlando (Florida)

pizza-cities-orlando-prato-cr-courtesy via

Come volevasi dimostrare. Orlando, in Florida, è famosa soprattuto per DisneyWorld, ma il redattore della classifica ci tiene a precisare che è piena di pizzerie italiane in cui lavorano italiani veri, che portano il sapore di Napoli negli USA. Su questa affermazione perdo il senno, visto che la Napoli originale non è entrata neanche nella loro top 3.

 

3) Roma

pizza-cities-rome-emma-cr-courtesy via

Roma, la grande bellezza, i The Pills, la scena romana, la politica, il Vaticano, il capitano Totti, il supereroe Jeeg Robot, er Colosseo, le cose che solo i veri romani possono capire. C’hanno tutto, ora anche la pizza più buona d’Italia. Che escludiamo in modo categorico sua quella rappresentata nella foto qui sopra.

 

2) New York City

pizza-cities-nyc-robertas-cr-courtesy via

Purtroppo dal nervoso ho già spaccato 4 schermi del computer. Al secondo posto delle città in cui si mangia la migliore pizza nel mondo c’è New York. Il luogo in cui accade di tutto, la capitale del mondo, il primo punto in cui arrivano gli alieni dei film e che farebbe anche la pizza Margherita più buona anche in Italia. Ok.

 

1) Chicago

pizza-cities-chicago-Spacca-Napoli-cr-courtesy-1 via

Ci cago. Scusate la battuta shakespeariana ma si può mettere al primo posto la pizzeria Spacca Napoli di Chicago come migliore nel MONDO e poi postare una foto di una roba sicuramente gustosa con l’uovo nel mezzo, dopo aver bistrattato la vera pizza napoletana?

Amici, forse è arrivato il momento di richiamare i nostri connazionali all’estero e contattare l’Ambasciata.

 

FONTE | Condé Nast Traveler

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >