Storia
di redazione 5 dicembre 2018

Queste pubblicità sul cibo vi faranno arrabbiare molto

Non arrabbiatevi troppo, erano altri tempi.

Il cibo e la pubblicità vanno a braccetto dai tempi dei tempi. 

Nel corso della storia (italiana e non) il cibo e tutti i suoi prodotti hanno sempre avuto una rilevanza piuttosto forte all’interno del settore pubblicitario; già a partire dalla fine degli anni ’40 l’industria alimentare ha segnato la linea di partenza che lo avrebbe portato nel corso degli anni ad un vero e proprio boom economico, concentratosi in particolar modo tra gli anni ’60 e la fine degli anni ’80.

Una società diversa

Quello che però ancora non c’era a metà del Novecento era senza ombra di dubbio la ricerca scientifica, di cui disponiamo con gli strumenti più tecnologicamente avanzati dagli anni ’90 ad oggi. Questo fattore ha indubbiamente cambiato il nostro modo di vedere ciò che mangiamo, il modo in cui ci alimentiamo e sopratutto cosa andiamo a comprare al supermercato; gli anni che stiamo vivendo proprio ora sono la totale estremizzazione di questo fenomeno, dove nel campo alimentare viene messo al rogo praticamente un po’ di tutto: l’olio di palma, il glutine, i grassi idrogenati, l’olio per friggere, i conservanti, le merendine e chi più ne più ne metta. Per quanto siano stati alimenti e prodotti utilizzati da sempre, nel 2018 abbiamo la fortuna di sapere che molte di queste cose possono ledere il nostro benessere psicofisico e quindi adattarci di conseguenza.

La rivalsa delle donne

Queste vecchie pubblicità che abbiamo trovato sono esattamente l’opposto di quello che promuoviamo oggi, a dimostrazione di come la modernità, la tecnologia e la medicina abbiano mutato totalmente le nostre abitudini alimentari e non solo: grazie al cielo anche molto dogmi che erano radicati nella società di 50 anni fa al momento non esistono più, anzi sono oggetto tutt’ora di lotte e rivalsa da parte dei diretti interessati, prime tra tutte le donne e il loro ruolo nella società. 

Date un occhio (senza scandalizzarvi troppo).

 

Tranquilla tesoro non hai bruciato la birra

 

La carne di maiale che fa bene

 

Il marito felice grazie alla trippa in scatola

 

La Coca Cola che fa bene

 

La planetaria ti cucina tutto basta che la moglie stia al suo posto

 

Bambini e birra

Un giovane Renzo Arbore che si mantiene in linea

CORRELATI >