Veg
di redazione 21 novembre 2018

Tutti i buoni motivi per cui dovreste utilizzare la curcuma

Più curcuma per tutti.

Curcuma e state sereni. 

La curcuma è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Zingiberacee, da molti viene soprannominata zafferano delle Indie; la sua origine si localizza principalmente nella parte tropicale dell’Asia, soprattutto in India ma è coltivata anche in Cina, Giappone, Tawain, Indonesia e in alcune parti dell’Africa. La curcuma è essenziale, una spezia davvero indispensabile che non dovrebbe mai mancare nella nostra dispensa, cerchiamo di capire perché.

In Cina lo chiamano zenzero giallo

La spezia, nello specifico, si ottiene facendo essiccare la radice della pianta: una volta fatto essiccare, il rizoma viene triturato e ridotto in polvere; la spezia deve successivamente essere conservata in contenitori chiusi ermeticamente per conservane l’aroma e le proprietà. In etnomedicina la curcuma viene considerata come una delle piante cardine per la cura della salute, non solo per le sue molteplici azioni benefiche ma anche per la lunghissima tradizione che la caratterizza. La curcuma viene investita spesso nella cura della dispepsia e dei problemi digestivi grazie al suo potere cicatrizzante e sopratutto antinfiammatorio ed inoltre è un alleato perfetto contro l’artrite; per tutti questi benefici bisogna ringraziare le curcuminoidi costituiti per il 90% dalla curcumina, responsabili dell’attività antinfiammatoria e antiossidante di questa radice.

Antinfiammatorio

Antiossidante

La faccenda diventa ancora più semplice grazie alla grande adattabilità che la curcuma ha, potendola mettere un po’ ovunque: nel latte (golden milk), nelle tisane, nella pasta, sulla carne, nel pesce, in abbinamento ad altre spezie, insomma potete sbizzarrirvi.

N.B: mai abusare di questa spezia, mantenete delle dosi contenute giornaliere e non fatene uso a stomaco vuoto.

 

Curcumatevi! 

CORRELATI >