Veg
di Lorenzo Mannella 15 Dicembre 2015

Le diete vegetariane stanno distruggendo il pianeta?

Uno studio dice che la verdura a volte inquina più della carne

Alien di verdura WallpaperUp - La verdura ci distruggerà?

 

La prossima volta che vi sedete intorno a un tavolo e tutti vi guardano male perché ordinate una bistecca alta come un cuscino giocatevi questa notizia: per salvare il pianeta non basta diventare vegetariani o fare scelte alimentari consapevoli. Facendo i calcoli su tutta la filiera alimentare, salta fuori che alcuni dei cibi considerati più salutari in realtà hanno un impatto ambientale molto più alto del previsto. Soprattutto negli Stati Uniti.

Mettiamo le cose in chiaro: la patria del barbecue, delle salsine e delle costolette di maiale consumate come se fossero pane ha un problema di obesità a cui non è facile fare fronte. Il governo ha provato a migliorare le cose pubblicando le linee guida dello United States Department of Agriculture (USDA), che consigliano agli americani di consumare più prodotti considerati salutari, come frutta, verdura, formaggi e pesce.

Tuttavia, se i cittadini seguissero alla lettera i consigli dello USDA produrrebbero un impatto negativo sull’ambiente più marcato in termini di utilizzo delle risorse ed emissione di gas serra, a parità di calorie fornite. In poche parole, mangiare meglio – meno carne in favore di più verdure, formaggi e pesce – inquinerebbe di più. Almeno, è ciò che sostiene uno studio della Carnegie Mellon University sulle abitudini alimentari degli statunitensi.

I ricercatori hanno simulato l’impatto sull’ambiente di tre diverse diete americane: una riduzione calorica in cui si mangia un po’ di tutto; il menù consigliato dallo USDA senza riduzione calorica; una riduzione calorica seguendo il menù consigliato dallo USDA.

Ovviamente, mangiare meno calorie avrebbe un effetto benefico sul consumo di energia (una riduzione del nove per cento nelle emissioni di gas serra) per il semplice fatto che si consuma meno cibo. Diversamente, adottare il menù consigliato dallo USDA senza ridurre le calorie causerebbe un incremento del consumo di energia (43 per cento), dello sfruttamento delle acque (16 per cento) e delle emissioni di gas serra (11 per cento). Nel caso di un menù USDA con riduzione calorica, il consumo di risorse sarebbe, rispettivamente, del 38, 10 e 6 per cento in più rispetto ai livelli attuali.

 

Dieta americana USDA - Un esempio di scelte alimentari consigliate agli americani

 

Mangiare insalata produce il triplo di emissioni di gas serra rispetto alla pancettaha detto Paul Fischbeck, professore di politiche decisionali e coautore della ricerca. “Molte delle verdure più diffuse richiedono più risorse per caloria di quanto pensiate. Melanzana, sedano e cetriolo sono particolarmente svantaggiati se paragonati a carne di maiale o pollo.

I numeri lasciano poca libertà di interpretazione: attingendo a centinaia di articoli scientifici, i ricercatori hanno calcolato l’impatto di ogni tipologia di alimento lungo l’intera catena di distribuzione: cioè, quanto pesano coltivazione, trasformazione, trasporto, vendita, conservazione in casa e preparazione di ogni alimento in termini di consumo d’energia ed emissioni di gas serra.

Esistono relazioni complesse tra dieta e ambiente” dice Michelle Tom, ingegnere ambientale e coautrice dello studio. “Ciò che è buono per chi sta attento alla propria salute non sempre è altrettanto buono per l’ambiente. È importante che i decisori pubblici lo sappiano e siano consci di questi compromessi nel momento in cui sviluppano o continuano a sviluppare le linee guida per l’alimentazione del futuro.

Lo studio americano non ha calcolato però un fattore importante: il peso in termini di risorse umane sprecate dovuto ad una alimentazione scorretta. Mangiare salsicce cinque volte a settimana forse può inquinare meno che mangiare una carriola di insalata al giorno, ma i problemi di salute che derivano da scelte alimentari eccessive hanno comunque un peso devastante sulla società. Insomma, a seconda di come imposti i calcoli puoi ottenere risultati completamente differenti. Buon appetito.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >