Viaggi
di Raffaele Portofino 15 giugno 2017

Pork Factor, il festival dei grigliatori in cui puoi mangiare tutta la carne che vuoi

Non tutti i festival estivi sono musicali, ci sono anche i talent per eleggere i migliori grigliatori d’Italia

 modenatoday

L’annuale appuntamento con la consumazione all you can eat carne grigliata si terrà il 16-17-18 giugno a Concordia, in provincia di Modena. Il Pork Factor è un vero e proprio talent festival per squadre di grigliatori, il cui unico giudice è il pubblico, che con soli 15 euro farà la fila ai numerosi stand per mangiare costine, salsicce, bistecche e tutto il grigliabile possibile.

Oltre al consumo smodato di maiale cotto a puntino, sono i nomi delle squadre in gara a farci ridere tantissimo. Quest’anno infatti il tema della gara è “Feste dal mondo” e i mastri grigliatori si sono suddividi in team con nomi strampalati, comici e parodistici.

Si va dall’Atletico Suino Vallalta alla Gang del Porco, la Banda della Maiala o Biancascrofa e i Sette Maiali. Ecco per la vostra gioia, tutte le squadre in gara, con la festa ed esse associata:

 

 porkfactor.it

Qualche istruzione per voi che già avete l’acquolina in bocca: col braccialetto che vi danno dopo aver pagato i 15 euro, mangiate in tutti gli stand quanto volete, però l’organizzazione rimanda al buon senso personale, ‘ché buttare via il cibo è una cosa molto sgradevole. Bambini sino a 10 anni pagano 5 €, mentre quelli sotto il metro non pagano niente. È vietato portare il cibo fuori dall’area della festa e anche portarsi mangiare e bere da casa. Per il resto, abbuffata libera.

La festa è a cura dell’associazione I fiol d’la schifosa (un altro grande nome), che è stata fondata nel 2011 e che negli anni, grazie agli eventi organizzati, ha raccolto un bel po’ di soldi da devolvere in beneficienza al reparto di oncologia pediatrica del Politecnico di Modena, alle scuole e ha sostenuto le associazioni ASEOP, ADMO e AMO.

Lo segnaliamo ai vegani che vendendo questo evento potrebbero avere un mancamento o protestare duro: è per una buona causa, e in ogni caso anche la griglia fatta bene ha il suo perché.

Per tutte le info, visitate il sito ufficiale.

CORRELATI >