Exotic
di Gabriele Ferraresi 11 Giugno 2018

Abbiamo assaggiato il mitologico kebab a 1.50 euro di via Padova a Milano

Il punto massimo del no-frills per il cibo da strada è stata una sorpresa: oltre a essere ancora vivi, in fondo non è poi malaccio

Cheap is good

Ma davvero un panino kebab può costare 1.50 euro? Certo che sì, care lettrici e cari lettori di Dailyfood. Basta farsi un giro in via Padova a Milano – e non solo, si trovano anche in altri punti della città questi panini super economici – per poter assaggiare l’estrema vetta no-frills del cibo da strada.

Il kebab a 1.50 euro è la nemesi dell’hamburger di McDonald’s a 1 euro, è il guanto di sfida coperto di salsa piccante lanciato dall’Anatolia alla corporation simbolo della globalizzazione alimentare, e al suo ormai imbolsito pagliaccio.

Ma non solo: il kebab a 1.50 euro è il volo Ryanair dell’alimentazione, costa pochissimo, non ha fronzoli, non c’è niente di più di quel che ti serva davvero.

È un cibo, il kebab a 1.50 euro, che è esattamente l’opposto di quel trend alimentare fighetto che ha ben raccontato il critico gastronomico Davide Paolini ne Il Crepuscolo degli Chef, di cui vi avevamo parlato qua.

La nostra prova d’assaggio si è svolta da Cleopatra, al civico 27 di via Padova.

Non eravamo soli: prima di noi in coda due gentiluomini latinos in giacca e cravatta chiedevano un pollo arrosto intero – pagato 3 euro – che hanno mangiato sul posto insieme a un panino. Poi è arrivato il nostro turno.

Cominciamo dall’estetica: il kebab a 1.50 non ha molto di diverso dal classico kebab che paghiamo sui 3.50 euro. Le dimensioni del panino sono più o meno le stesse, mentre la differenza principale è nella quantità di ripieno.

Di carne ce n’è di meno, e anche il resto dei condimenti sono elargiti con maggiore parsimonia rispetto a un kebab consueto.

 

Abbiamo assaggiato il mitologico kebab a 1.50 di via Padova a Milano  Street food senza fronzoli: il kebab a 1.50 di via Padova a Milano

 

Ma del resto non c’è nulla di strano e proprio niente di cui stupirsi: su un volo Ryanair ci aspettiamo forse un pasto completo? Dello spazio per le gambe? I comfort del volo di linea di una compagnia di bandiera? Chiaro che no: perché abbiamo pagato poco, e sappiamo che se si paga poco qualche differenza rispetto a pagare di più è da mettere in conto.

Esperienze sensoriali

Basta esserne avvertiti, basta saperlo e fare poco gli schizzinosi. Ma torniamo al nostro kebab a 1.50 euro: mantenute, almeno da Cleopatra, le consuete possibilità di customizzazione cui siamo affezionati – io preferisco più salsa allo yogurt e meno salsa piccante, ma va a gusti – e procediamo al primo morso.

Il nostro kebab low-cost non si sfalda, e malgrado sia inondato di salse, “tiene” senza disfarsi: voto +. La qualità della carne rosolata sullo spiedo mi è parsa in linea con quella del kebabbaro medio, direi senza infamia e senza lode, ma soprattutto senza grasso e senza quei pezzetti insopportabili che uno non riesce a masticare e deve mandare giù interi, ed ecco a sommarsi un altro voto +.

Venendo ai lati meno positivi, insalata, cipolle, pomodoro, sono presenti in dosi omeopatiche e formano un curioso blob insieme alle salse, con cui si uniscono in un amplesso in cui i componenti e i sapori diventano indistinguibili sia alla vista, che al gusto.

Ma veniamo al dopo: come è andata con la digeribilità? Direi eccellente: nessun problema. Ma lì potrei essere io che digerisco anche le pietre, vai a sapere.

In conclusione: il kebab a 1.50 di via Padova di Cleopatra è quindi promosso se non a pieni voti, almeno con un 6.5/10.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >