Exotic
di Gabriele Ferraresi 11 Giugno 2018

Abbiamo assaggiato il mitologico kebab a 1.50 euro di via Padova a Milano

Il punto massimo del no-frills per il cibo da strada è stata una sorpresa: oltre a essere ancora vivi, in fondo non è poi malaccio

Cheap is good

Ma davvero un panino kebab può costare 1.50 euro? Certo che sì, care lettrici e cari lettori di Dailyfood. Basta farsi un giro in via Padova a Milano – e non solo, si trovano anche in altri punti della città questi panini super economici – per poter assaggiare l’estrema vetta no-frills del cibo da strada.

Il kebab a 1.50 euro è la nemesi dell’hamburger di McDonald’s a 1 euro, è il guanto di sfida coperto di salsa piccante lanciato dall’Anatolia alla corporation simbolo della globalizzazione alimentare, e al suo ormai imbolsito pagliaccio.

Ma non solo: il kebab a 1.50 euro è il volo Ryanair dell’alimentazione, costa pochissimo, non ha fronzoli, non c’è niente di più di quel che ti serva davvero.

È un cibo, il kebab a 1.50 euro, che è esattamente l’opposto di quel trend alimentare fighetto che ha ben raccontato il critico gastronomico Davide Paolini ne Il Crepuscolo degli Chef, di cui vi avevamo parlato qua.

La nostra prova d’assaggio si è svolta da Cleopatra, al civico 27 di via Padova.

Non eravamo soli: prima di noi in coda due gentiluomini latinos in giacca e cravatta chiedevano un pollo arrosto intero – pagato 3 euro – che hanno mangiato sul posto insieme a un panino. Poi è arrivato il nostro turno.

Cominciamo dall’estetica: il kebab a 1.50 non ha molto di diverso dal classico kebab che paghiamo sui 3.50 euro. Le dimensioni del panino sono più o meno le stesse, mentre la differenza principale è nella quantità di ripieno.

Di carne ce n’è di meno, e anche il resto dei condimenti sono elargiti con maggiore parsimonia rispetto a un kebab consueto.

 

Abbiamo assaggiato il mitologico kebab a 1.50 di via Padova a Milano  Street food senza fronzoli: il kebab a 1.50 di via Padova a Milano

 

Ma del resto non c’è nulla di strano e proprio niente di cui stupirsi: su un volo Ryanair ci aspettiamo forse un pasto completo? Dello spazio per le gambe? I comfort del volo di linea di una compagnia di bandiera? Chiaro che no: perché abbiamo pagato poco, e sappiamo che se si paga poco qualche differenza rispetto a pagare di più è da mettere in conto.

Esperienze sensoriali

Basta esserne avvertiti, basta saperlo e fare poco gli schizzinosi. Ma torniamo al nostro kebab a 1.50 euro: mantenute, almeno da Cleopatra, le consuete possibilità di customizzazione cui siamo affezionati – io preferisco più salsa allo yogurt e meno salsa piccante, ma va a gusti – e procediamo al primo morso.

Il nostro kebab low-cost non si sfalda, e malgrado sia inondato di salse, “tiene” senza disfarsi: voto +. La qualità della carne rosolata sullo spiedo mi è parsa in linea con quella del kebabbaro medio, direi senza infamia e senza lode, ma soprattutto senza grasso e senza quei pezzetti insopportabili che uno non riesce a masticare e deve mandare giù interi, ed ecco a sommarsi un altro voto +.

Venendo ai lati meno positivi, insalata, cipolle, pomodoro, sono presenti in dosi omeopatiche e formano un curioso blob insieme alle salse, con cui si uniscono in un amplesso in cui i componenti e i sapori diventano indistinguibili sia alla vista, che al gusto.

Ma veniamo al dopo: come è andata con la digeribilità? Direi eccellente: nessun problema. Ma lì potrei essere io che digerisco anche le pietre, vai a sapere.

In conclusione: il kebab a 1.50 di via Padova di Cleopatra è quindi promosso se non a pieni voti, almeno con un 6.5/10.

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >