Polemica
di Gabriele Ferraresi 21 Dicembre 2018

Contro il panettone, l’estremo rifugio delle canaglie

Uno dei motivi più seri per cui questo paese si spacca: Pandoro o Panettone?

controilpanettone

 

Poco da dire affezionatissimi lettori, il panettone fa schifo. Ammettiamolo, anzi: ammettetelo a voi stessi, io lo so da anni. Finitela una buona volta di mentirvi e piegarvi a un becero conformismo che prosegue da secoli, vi fa ben più onore la verità, soprattutto nel caso riusciate a dirla a voi stessi.

Siate uomini, diamine! O donne, certo, come preferite.

E il panettone fa schifo, ma non fa tanto schifo in sé, il panettone fa schifo perché portatore sano di una tremenda malattia di cui lui è incolpevole ma per la quale a un allegorico patibolo dovrebbero salire i mastri pasticceri: le uvette.

Quelle stramaledette, spregevoli uvette, autentiche nemiche del Natale in grado di rovinare un dolce che tutto sommato sarebbe buono senza di loro. Invece no. Invece quelle stramaledette uvette che trovano un senso solo e soltanto nelle sarde in saor. Ma nel panettone, nel panettone perdio, mi fanno perdere le staffe.

È un odio razionale quello che provo nei confronti di questo dolce delle feste, tipico della tradizione milanese. Ma la tradizione vive proprio lì, la vedete no? È a due passi dal patriottismo, quel patriottismo che Samuel Johnson definiva l’estremo rifugio delle canaglie, e a ragione.

Il panettone è proprio questo: l’estremo rifugio delle conformiste canaglie enogastronomiche, ma attenzione! Lo è specularmente rispetto al termine “gastronomico”: infatti è buono quando viene preparato e farcito in quella versione, con ogni ben di Dio e meglio se salato, ma è canagliesco se proposto in versione tradizionale con canditi e uvette. Soprattutto le maledette uvette.

È nell’abbinamento con il vino moscato che il panettone però riesuma il più stantio e polveroso vecchiume, una tradizione che mi farebbe diventare futurista solo per il desiderio di distruggerla. Ma alla fine non lo faccio, che i futuristi erano simpatici per altri motivi e non certo per la “guerra solo igiene del mondo“.

Odio il panettone per un’infinità di motivi, ma soprattutto perché dà il via alla sagra della banalità: per cui non vuoi che a dicembre, e a volte perfino già a novembre, il panettone inizi a girare negli uffici? Eh sì che gira.

Perché c’è sempre la collega o il collega che no, non porta le pizzette, i salatini, eh no! Lei o lui, che sono amanti della tradizione, che vogliono accontentare tutti, questi ignavi del gusto, questi marionette manovrate dalle lobby delle uvette, che sono fossilizzate sulla tradizione più sterile, loro sì che vanno bene!

Con un bel panettone alle 11 del martedì, insieme al caffè della macchinetta.

E come fare a dire di no a quei maledetti? Ditelo. Starete meglio.

Regalo più odiato dai fornitori – e più riciclato, il panettone è un virus da cui non ci si sbarazzeremo mai, i prossimi scadranno nel 2039 – il panettone rappresenta il peggio del peggio dell’identità italiana.

L’emblema della banalità, dell’andare sul sicuro anche se il sicuro fa schifo, di tutto il peggio che questo Paese ha prodotto, e a cui l’Italia e gl’italiani rimangono aggrappati come telline allo scoglio.

Per questo sono contro il panettone: lapidatemi pure, morirò sereno, non importa.

[LEGGI Contro il pandoro, inutile spugna burrosa senz’anima]

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >