Polemica
di Gabriele Ferraresi 21 Dicembre 2018

Contro il panettone, l’estremo rifugio delle canaglie

Uno dei motivi più seri per cui questo paese si spacca: Pandoro o Panettone?

controilpanettone

 

Poco da dire affezionatissimi lettori, il panettone fa schifo. Ammettiamolo, anzi: ammettetelo a voi stessi, io lo so da anni. Finitela una buona volta di mentirvi e piegarvi a un becero conformismo che prosegue da secoli, vi fa ben più onore la verità, soprattutto nel caso riusciate a dirla a voi stessi.

Siate uomini, diamine! O donne, certo, come preferite.

E il panettone fa schifo, ma non fa tanto schifo in sé, il panettone fa schifo perché portatore sano di una tremenda malattia di cui lui è incolpevole ma per la quale a un allegorico patibolo dovrebbero salire i mastri pasticceri: le uvette.

Quelle stramaledette, spregevoli uvette, autentiche nemiche del Natale in grado di rovinare un dolce che tutto sommato sarebbe buono senza di loro. Invece no. Invece quelle stramaledette uvette che trovano un senso solo e soltanto nelle sarde in saor. Ma nel panettone, nel panettone perdio, mi fanno perdere le staffe.

È un odio razionale quello che provo nei confronti di questo dolce delle feste, tipico della tradizione milanese. Ma la tradizione vive proprio lì, la vedete no? È a due passi dal patriottismo, quel patriottismo che Samuel Johnson definiva l’estremo rifugio delle canaglie, e a ragione.

Il panettone è proprio questo: l’estremo rifugio delle conformiste canaglie enogastronomiche, ma attenzione! Lo è specularmente rispetto al termine “gastronomico”: infatti è buono quando viene preparato e farcito in quella versione, con ogni ben di Dio e meglio se salato, ma è canagliesco se proposto in versione tradizionale con canditi e uvette. Soprattutto le maledette uvette.

È nell’abbinamento con il vino moscato che il panettone però riesuma il più stantio e polveroso vecchiume, una tradizione che mi farebbe diventare futurista solo per il desiderio di distruggerla. Ma alla fine non lo faccio, che i futuristi erano simpatici per altri motivi e non certo per la “guerra solo igiene del mondo“.

Odio il panettone per un’infinità di motivi, ma soprattutto perché dà il via alla sagra della banalità: per cui non vuoi che a dicembre, e a volte perfino già a novembre, il panettone inizi a girare negli uffici? Eh sì che gira.

Perché c’è sempre la collega o il collega che no, non porta le pizzette, i salatini, eh no! Lei o lui, che sono amanti della tradizione, che vogliono accontentare tutti, questi ignavi del gusto, questi marionette manovrate dalle lobby delle uvette, che sono fossilizzate sulla tradizione più sterile, loro sì che vanno bene!

Con un bel panettone alle 11 del martedì, insieme al caffè della macchinetta.

E come fare a dire di no a quei maledetti? Ditelo. Starete meglio.

Regalo più odiato dai fornitori – e più riciclato, il panettone è un virus da cui non ci si sbarazzeremo mai, i prossimi scadranno nel 2039 – il panettone rappresenta il peggio del peggio dell’identità italiana.

L’emblema della banalità, dell’andare sul sicuro anche se il sicuro fa schifo, di tutto il peggio che questo Paese ha prodotto, e a cui l’Italia e gl’italiani rimangono aggrappati come telline allo scoglio.

Per questo sono contro il panettone: lapidatemi pure, morirò sereno, non importa.

[LEGGI Contro il pandoro, inutile spugna burrosa senz’anima]

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >