Ricette
di Enrico Pons 15 Ottobre 2018

Il modo migliore per fare le arancine con il sugo rosso a casa

Mettetevi alla prova, le arancine vi aspettano.

Ingredienti:

  • Riso
  • Passata di pomodoro
  • Cipolla
  • Burro
  • Parmigiano
  • Carne trita
  • Salsiccia
  • Vino bianco
  • Piselli surgelati
  • Galbanino o provoletta
  • Uova
  • Pane grattugiato
  • Olio per friggere

Questa ricetta è per le arancine col sugo rosso, diverse da quelle gialle, vere e proprie palle di cannone fatte con il riso allo zafferano, che se al bar te le danno tiepide rischi di strozzarti al secondo morso e ti tocca ordinare una birra da 66 per buttarle giù.

I cinque passaggi che vi stiamo per mostrare sono il metodo più facile e veloce per ottenere delle vere e proprie arancine rosse fatte in casa:

1) preparare il sugo rosso per condire e colorare il riso;
2) lessare il riso, condirlo e lasciarlo raffreddare;
3) preparare l’impasto per l’interno dell’arancina;
4) comporre le arancine nel palmo della mano;
5) friggerle.

Il sugo. Le arancine sono rosa, tendenti al rosso. Si prepara in un tegame un sugo con il concentrato di pomodoro SuperCirio, tre o quattro lattine da 100 grammi per un chilo di riso. Olio d’oliva, mezza cipolla fina fina, lasciare soffriggere a fuoco bassissimo fino a smollarla senza colore. Un po’ di sale, lasciare cuocere a fuoco lento per una ventina di minuti. Tende a schizzare, quindi coprire e attenzione a non farlo bruciare, se no buttate tutto e ricominciate. Due terzi del sugo servono per colorare il riso e un terzo per il ragù.

Il riso. Si lessa il riso, di tipo medio, arborio, non occorre il carnaroli e a neanche il riso super fino. La quantità è di circa 100 grammi a testa, con cui si possono preparare fino a tre arancine. Si lessa il riso al dente, mi raccomando, si scola e si lava il riso sotto l’acqua tiepida del rubinetto per togliere l’amido. L’amido fa attaccare i chicchi di riso, e questo non deve succedere mai. Al riso scolato, caldo, si aggiungono 150 grammi di burro a pezzetti, 250 grammi di parmigiano grattugiato e la salsa. Si mescola il tutto per rendere il colore uniforme. Assaggiare sempre: deve venire un risotto già buono da solo.

Friggere friggere friggere

L’impasto. Comprare dal macellaio o al super 400 grammi di carne trita da sugo, quella del ragù per intenderci, a cui si aggiunge la polpa di 20 centimetri di salsiccia. Cucinare la carne trita come il ragù, mescolando spesso. Quando la carne si è asciugata aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e cuocere a fuoco alto finché non evapora. A questo punto aggiungere il terzo residuo del sugo. Lasciate cuocere 15 minuti, piano piano. Avrete nel frattempo lessato 250 grammi di pisellini primavera surgelati, che aggiungerete all’impasto. Lasciate cuocere altri 15 minuti. A fine cottura lasciar raffreddare. Quando è freddo aggiungere 200 grammi di provoletta dolce o meglio di Galbanino tagliato a cubetti di quasi un centimetro di lato.

La preparazione della palla. La misura dipende dalla mano, più è grande più grande viene l’arancina. Prelevare con la mano o con un cucchiaio un po’ di riso dalla pentola ormai raffreddata, deporlo a nido nel palmo, prendere con un cucchiaio un po’ di impasto, comprendente il ragù, i piselli, il formaggio e riempire il nido. Con dell’altro riso chiudere un po’ alla volta la palla. Sono tanto più buone quanto meno riso si usa e quanto più ragù c’è dentro. Allineare le arancine e controllare che siano tutte uguali.

Se non sono calde calde non si servono

Friggere. Sbattere due o tre uova, passare l’arancina nell’uovo e poi nel pangrattato. Riallineare le arancine. Sono uniformi? Bene. Adesso è il momento di passarle nell’uovo sbattuto e nel pane grattugiato. Attenzione, il pane grattugiato è fatto in casa, col pane raffermo, non è la segatura che si trova nei sacchetti dei supermercati.
L’olio di frittura deve essere alto, almeno la metà dell’arancina, in modo che quando se ne immergono quattro il livello sale fino a sopra e non si rompono a metà. Si può usare anche l’olio d’oliva, che tiene meglio la temperatura e fuma più tardi. Ma si può risparmiare. Il colore finale dell’arancina deve essere arancio scuro, non marrone, vuol dire che l’olio è troppo caldo. Per uniformare il colore si gira l’arancina nella pentola, delicatamente con due forchette.

Si servono subito, calde calde.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >