Ricette
di Chiara Lauretani 29 Maggio 2018

I courtesan al cioccolato di Mendl’s direttamente dal Grand Budapest Hotel di Wes Anderson

I courtesan al cioccolato sono buonissimi, ancora di più se la ricetta te la da Wes Anderson

Ingredienti bignè

  • 100 g di burro
  • 1/4 litro di acqua
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • un pizzico di sale
  • 125 g di farina 00
  • 4 uova a temperatura ambiente, sbattute

Ingredienti crema pasticcera

  • 360 ml di latte
  • 10 gr di cioccolato fondente a pezzetti
  • 3 tuorli
  • 60 gr di zucchero
  • 2 cucchiai di cacao
  • 1 cucchiaio di farina
  • 2 cucchiai di maizena

Ingredienti per decorare

  • zucchero a velo
  • latte
  • estratto naturale di vaniglia
  • colorante alimentare (lavanda, verde pallido e rosa)

 

Wes Anderson non è solo un regista, ma una creatore di mondi geometrici e color pastello.

Classe 1969, nato a Houston, è anche sceneggiatore e produttore; tra i suoi lavori più famosi si ricordano I Tenenbaum, Le avventure acquatiche di Steve Zissou, Moonrise Kingdom e Fantastic Mr. Fox. Nel 2014 esce nelle sale uno dei suoi film più belli, dal titolo Grand Budapest Hotel vincitore di 4 premi Oscar e un Golden Globe, ispirato alle storie di Steve Zweig. La storia ruota attorno alla figura maestosa del Grand Budapest Hotel, struttura prestigiosa frequentata da ricche signore e gestito dal concierge Gustave H., situato nell’immaginaria repubblica di Zubrowka, intorno agli anni ’30 a cavallo delle due grandi guerre; l’intero racconto è un flashback continuo del racconto di Zero Moustafa, che racconta ad un giornalista  come cambiò la sua vita una volta che fu assunto dallo stesso Gustave come lobby boy, per diventare poi un suo prediletto a cui insegnerà tutti i trucchi del mestiere.

 youtube

E’ un pellicola assolutamente da vedere per chi non l’avesse già scoperta, perché oltre al plot narrativo che intriga, i tempi e i ritmi del film sono gestiti con una tagliente e sottile ironia (oltre che un cast stellare); non dimentichiamoci poi dei colori e dalla fotografia che confermano Anderson essere un maestro della regia.

Be’, chi non vorrebbe al Grand Budapest, signore? È un’istituzione

Durante le peripezie del nostro caro protagonista Zero, ci sarà un incontro in particolare che gli cambierà la vita: quello con Aghata , aiutante pasticcera nella famosa pasticceria Mendl’s, che impacchetta piccole opere d’arte fatte a misura di dolce. Di Aghata, Zero, se ne innamorerà profondamente, e sarà una parte determinante dell’intera storia raccontata da Anderson.

 youtube

Wes Anderson più volte ci fa entrare dentro il mondo color pastello della pasticceria di Mendl’s dove tra le principali specialità ci sono anche i courtesan al cioccolato che oltre ad essere definiti da tutti irresistibilmente buoni, puntavano anche su un packaging che era un marchio di fabbrica. E’ giunto dunque il momento di tirare fuori il Mendl’s che è dentro di voi, armatevi di burro, frusta, farina e zucchero e impariamo come fare direttamente a casa nostra queste piccole chicche deliziose.

La preparazione deve essere divisa in tre parti: i bignè, la crema pasticcera e la decorazione finale. Gli ingredienti ve li abbiamo già dati, vediamo passo passo come preparare ogni step.

I bignè

Iniziate facendo portando a bollire lentamente l’acqua con il burro, lo zucchero ed il sale fino a che il burro non si è sciolto totalmente. A questo punto levate la casseruola dal fuoco e versate tutta insieme la farina setacciata; mescolare bene il tutto fino ad amalgamarli e rimettere il composto sul fuoco medio. vi renderete conto, continuando a mescolare, che l’impasto è pronto quando sarà un aspetto omogeneo e soprattutto liscio, staccandosi naturalmente dalla pentola. Togliete dal fuoco, fate raffreddare e aggiungete, poco per volta, le uova precedentemente sbattute mescolando sempre energicamente. ora munitevi di una teglia e ricopritela con della carta da forno, grazie ad una sac à poche con il beccuccio a bocchetta liscia, formate i bignè di 3 formati diversi: grandi, medi e piccoli. i bingo più piccoli cuoceteli a parte in un’altra teglia poiché essendo di dimensioni più ridotte avranno un tempo di cottura diverso. E’ importante che li distanziate tutti di circa 2 cm l’uno dall’ altro perché durante la cottura si gonfieranno molto. Buttate in forno a 180°e, senza mai aprire la porta del forno durante la cottura, fateli cuocere per circa 20/ 25 minuti fino a quando risulteranno ben gonfi e dorati. Tirate tutto fuori e fateli raffreddare su una gratella e praticate una piccola incisione sul loro fondo in modo che esca il vapore bollente interno.

Se i courtesan al cioccolato te li fa Wes Anderson

La crema pasticcera al cioccolato

Prendere un pentolino dove scaldare il latte, spezzettate il cioccolato e aggiungetelo, tenerlo suol fuoco e mescolare fino a che non si è sciolto del tutto. Sbattette a parte in una ciotola i tuorli con lo zucchero, uniteci la farina, la maizena e il cacao fino ad amalgamati tra loro. Il cioccolato che avete fuso prima ora aggiungetelo in questa ciotola mescolando con una frusta. Travasate il tutto il composto di nuovo nel pentolino di prima e fate cuocere a fuoco moderato, senza mai smettere di mescolare, e togliete dal fuoco la crema al cioccolato al primo cenno di bollore. Lasciatela raffreddare, riempite a metà una tasca da pasticciere e farcite con questa solo i bignè grandi e medi che avete cotto prima.

La decorazione e l’assemblaggio

Prendete una ciotola e mescolate lo zucchero a velo con qualche goccia di vaniglia versandoci anche il latte, poco per volta. Mescolare con forza fino a che il composto non risulti liscio, senza grumi e di un colore brillante. Adesso date il via alla fantasia e dividete il composto in tre ciotole diverse e in ognuno di esse versate il colorante che preferite fino ad ottenere tre colori diversi per distinti tra loro. Immergete la parte superiore dei bignè grandi nella glassa color lavanda, i medi in quella verde e i piccoli in quella rosa. Mano a mano che vengono pronti, fateli asciugare su una gratella per dolci. Ogni altro tipo di decorazione è ben accetta, date libero sfogo al vostro estro creativo e rendeteli coloratissimi.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >