Ricette
di redazione 14 novembre 2018

La ratatouille di Remy il topolino francese di Ratatouille

Nel 2007 era il titolo di un film della Pixar, tutti i giorni è la ricetta veg autunnale per eccellenza.

Ingredienti:

  • Melanzane lunghe
  • Zucchine
  • Peperoni verdi
  • Peperoni gialli
  • Pomodori perini
  • Cipolle bianche
  • Aglio 1 spicchio
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Timo q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Basilico q.b.

Ratatouille è un film di animazione della Pixar uscito nel 2007. Ambientato nella romantica Parigi degli anni ’70, porta il nome di uno dei piatti più famosi della Provenza: la ratatouille, un tripudio di verdure in padella . Nel film della Pixar, Remy è il nome di un piccolo topo di città che possiede, rispetto ai suoi simili, un olfatto fuori dalla norma; l’incontro decisivo sarà quando il piccolo topo conoscerà lo sguattero di una cucina, tale Alfredo Linguini che diventerà le sue “braccia” per poter cucinare piatti fantastici. Il paradosso del film è proprio l’unione tra il topo e Linguini: il primo mente eccelsa della cucina, il secondo braccia che mettono in atto le idee culinarie (vincenti) del piccolo Remy.

 pixabay

Il piatto forte che uscirà tra il tacito patto dei due è proprio una fantastica ratatouille, che salverà anche il nome a la reputazione del ristorante Gusteau. La ratatouille era un piatto povero, mangiato dai contadini delle campagne; nella versione originale non c’erano le melanzane non essendo reperibili nello stesso periodo dell’anno delle altre verdure. Gli ingredienti originari della ratatouille erano infatti pomodori, zucchine, peperoni, cipolle ed aglio a cui si aggiungevano erbe di Provenza e basilico. Quella fatta da Remy e Linguini era davvero speciale, vediamo come possiamo preparala noi.

Buona, sana e anche veg!

Preparazione

La cosa fondamentale per ottenere una buona ratatouille è come primo passo lavare e tagliare (secondo la tipologia di verdura) tutte le verdure che comporranno il piatto. E’ un processo abbastanza lungo e certosino, ma indispensabile per poter raggiungere l’obiettivo finale. Pulite dai semi e tagliate in maniera grossolana peperoni sia gialli che verdi; per le melanzane e le zucchine tagliate in piccoli pezzi la parte più vicina alla buccia, evitando l’interno pieno di semi; i pomodori invece tagliateli a cubetti. Ultima, ma non per importanza, tagliate in strisce sottili la cipolla e tritale l’aglio, sfogliate inoltre anche il timo, spezzettate il basilico e tritate anche il prezzemolo. Per la cottura vi serviranno due padelle: nella prima, dopo aver aggiunto un filo di olio extravergine di oliva, buttateci le melanzane e le zucchine e cuocete per almeno 10 minuti; nell’altra padella che utilizzerete dopo aver messo, anche qui, un filo di olio unite la cipolla con l’aglio e fateli appassire; a questo punto potete aggiungere i peperoni, il timo, un goccio d’acqua e fate cuocere bene per 10 minuti (la fiamma sempre media, mai troppo alta). Una volta conclusa anche questa cottura aggiungete nella padella le melanzane e le zucchine che avete cotto precedentemente; coprite il tutto con un coperchio, amalgamate bene e fate cuocere per latri 10 minuti, aggiungendo dell’acqua nel caso si asciugasse troppo. Non vi resta che aggiungere sul finale basilico e prezzemolo. Servite calda in una terrina. 

Profumata! 

 

CORRELATI >