Society
di Alessandro Minnino 15 Dicembre 2018

7 Gruppi Facebook utilissimi per gli appassionati di cibo

Se siete appassionati di cibo non potete non dare un occhio a questo gruppi Facebook.

Prima di internet, se avevi una passione alimentare insolita, eri considerato un tipo strano.

Oggi, qualunque sia la tua passione o la tua idiosincrasia alimentare, c’è un gruppo Facebook per te, dalle più comuni alle più assurde. Lì potrai trovare altri gastrofanatici e parlare con loro di ciò che ti sta più a cuore: che nome hai dato al tuo lievito madre, che marinatura scegli per le costine, quanto proteica è la tua dieta iperproteica. Cose così.

Ogni gruppo ha le sue regole, il suo linguaggio, il suo lider maximo. Ne ho scelti alcuni dei miei preferiti, certo che siano solo la punta dell’iceberg. Se ne conoscete altri, mandatemi i link!

“BB4All” è il raduno dei maschi alpha

BBQ4all (40.000 iscritti) è la madre di tutte le community alimentari italiane. Ovviamente si parla di barbecue, di tagli di carne, di cottura diretta e indiretta, di affumicatura. Gli adepti del gruppo adorano il fondatore, Gianfranco Lo Cascio, autorità indiscussa dei metodi di cottura della carne, il Salvatore Aranzulla del brisket. Ma non chiedetegli la ricetta per fare le costine: crede che le ricette non esistano.

È una community che fa scuola anche dal punto di vista commerciale. In pochi anni ha dato vita a una linea di carne venduta nella grande distribuzione e a diversi prodotti editoriali, tra libri e magazine. C’è anche la community business, dedicata a chi lavora nel settore della ristorazione. Le modalità di comunicazione di Lo Cascio sono da venditore digitale.

Ovviamente, se chiedete per l’ennesima volta come fare il pulled pork, verrete insultati e additati come “buca-salsicce”.

(se cercate dei gruppi più amichevoli, Semplicemente barbecue (3.000 iscritti) è come BBQ4all, ma leggermente meno talebano).

I nerd della bassa temperatura si trovano su “CBT – Cottura sottovuoto a bassa temperatura”

Tutti sappiamo cos’è il barbecue, ma la CBT è una nuova disciplina: si tratta di mettere il cibo sottovuoto e cuocerlo a bagnomaria, per ore, cercando di raggiungere livelli ultraterreni di morbidezza e sapore.

Si tratta di una cosa da nerd, che in questo caso si ritrovano sul gruppo CBT – Cottura sottovuoto a bassa temperatura (34.000 iscritti).

Qui troverete persone che cuociono una pancetta di maiale per 44 ore. In questo caso, a 68°.

Il Gran Maestro del gruppo è lo chef Marco Pirotta, tra i primi responsabili della diffusione della CBT in Italia, autore di tre libri tecnici sull’argomento. Non fatelo arrabbiare: come tutti i maestri è molto suscettibile.

La naturale estensione del gruppo CBT è l’organizzazione di corsi professionali per la cottura a bassa temperatura, le cosiddette “Master Class”.

Sul gruppo si sprecano le domande sulle combinazioni tra tempi e temperature (“a quanto cuoce il polpo? e la lonza?”), con conseguenti risposte perlopiù casuali.

Se volete creare un flame, chiedete “qual è la miglior macchina sottovuoto casalinga?”. È ovvio che non esiste, plebei, le macchine che costano meno di duemila euro non sono degne di essere nemmeno menzionate.

Oppure fate la carbonara sottovuoto: la carbonara in Italia fa sempre discutere tutti.

..  ..

Se siete fissati con la birra artigianale siete “Analfabeti della birra”

Con circa 30.000 iscritti Analfabeti della birra ospita infinite recensioni e lunghi dibattiti sulle birre artigianali, italiane e straniere.

Viene chiesto agli iscritti di commentare in modo strutturato le birre che provano, andando oltre il semplice “mi piace / non mi piace”.

 

Se volete proprio far impazzire tutti, dite che vi piace la Leffe.

 

“La confraternita della pizza” vi accoglierà, se distinguete la maturazione dalla lievitazione

La confraternita della pizza (50.000 iscritti) è la community per i nerd della pizza: quelli che fanno la pizza in casa, ma che vogliono ottenere risultati da pizzeria. Con il forno dell’ikea.

Se vi piace il lievito madre, avete l’imbarazzo della scelta

Sul lievito madre esistono infiniti gruppi. È un argomento trasversale che attira le mamme, le nonne e i giovani sperimentatori.

Ovviamente la base del gioco è dare un nome al vostro lievito.

Le due fazioni sono quella della pasta madre solida contro quella liquida, o Licoli.

Potete iniziare da Lievito madre, ma anche Lievitisti seriali (16.000), La pasta madre (50.000). Oppure La pasta madre liquida (Licoli) (21.000).

 

 

Recensione prodotti LIDL contiene esattamente quello che vi aspettate

Recensione prodotti LIDL (150.000 iscritti) ma anche Recensione prodotti MD (8.000 iscritti) sono fonti inesauribili di sorprese.

Magari volete dei consigli di utilizzo sui gamberi (vedi immagine) oppure semplicemente volete confrontarvi con gli altri sui prodotti a scaffale del LIDL, che – ho scoperto – cambiano continuamente, generando aspettativa tra i partecipanti al gruppo.

“Cucinare male” è l’opposto del foodporn

Tutti i “fail” alimentari finiscono su Cucinare male (55.000 iscritti).

In un mondo fatto di perfezione, sia nell’impiattamento che nella fotografia, Cucinare male ci mostra la realtà.

 

 

.

CORRELATI >