Monty Python
Storia
di Eva Cabras 4 Maggio 2018

Cosa c’entra lo spam su internet con il prosciutto in scatola?

Incredibile ma vero esiste un collegamento tra lo spam delle vostre email e il prosciutto in scatola.

Monty Python

I corsi e ricorsi della cultura pop hanno generato connessioni bizzarre per decenni. Tra di esse ha un posto d’onore la genesi del termine spam, che oggi identifica varie forme di abuso commerciale, di marketing o truffe di ogni tipo perpetrate attraverso internet. Se avete una casella di posta elettronica probabilmente avete fin troppa familiarità con il fenomeno in questione, ma cosa sapete della parola spam? Quando è nata? Sarà un acronimo di qualche tipo? Vi abbiamo imbrogliato con un titolo truffaldino? Un attimo, ecco che entra in scena il prosciutto in scatola.

L’azienda americana Hormel Foods Corporation iniziò a produrre il suo spiced ham (prosciutto speziato) nel 1937. Fondendo le due parole che lo descrivono, il prodotto venne battezzato Spam e consisteva in un agglomerato di carne di maiale, gelatina e fecola di patate, contenuto in scatole di latta dalla grafica accattivante. Grazie al suo basso costo e alla sua lunga conservazione, lo Spam divenne uno dei cibi più diffusi tra gli eserciti europei impegnati nella Seconda Guerra Mondiale, mantenendo la sua fama di alimento popolare da working class anche dopo la fine del conflitto.

Carne in scatola

Nel 1970, il gruppo comico britannico dei Monty Python dedicò uno sketch allo Spam nel corso dello show televisivo Monty Python’s Flying Circus. La gag con il prosciutto in scatola è ancora oggi una delle loro performance più famose, un concentrato di nonsense e surreale ambientato in un café a sud di Londra. Lo sketch si apre sull’interno del locale, dove un uomo e una donna vengono calati dal cielo direttamente a un tavolo libero. Intorno a loro c’è un nutrito gruppo di vichinghi. La cameriera recita il menù alla coppia: “Uova e bacon; uova, salsicce e bacon; uova e Spam; uova, bacon e Spam; uova, bacon, salsicce e Spam; Spam, bacon, salsicce e Spam; Spam, uova, Spam, Spam, bacon e Spam; Spam, Spam, Spam, uova e Spam; Spam, Spam, Spam, Spam, Spam, Spam, fagioli, Spam, Spam, Spam e Spam”. La donna cerca di farsi portare un piatto che non contenga Spam, mentre intorno a lei i vichinghi intonano una simpatica canzoncina che decanta quanto lo Spam sia delizioso. Vedete dove andiamo a parare?

Nei primi anni ’90 internet non costituiva ancora il sale della vita quotidiana come oggi, ma esistevano già spazi virtuali in cui navigatori da tutto il mondo potevano interagire tra loro. Erano i progenitori dei forum, delle chat room e dei giochi di ruolo online, dove si scambiavano messaggi, notizie e file in tempi solitamente biblici per la scarsa velocità di connessione. Proprio in questi pionieristici network nacque il concetto di spazzatura elettronica, applicato a messaggi copia-incollati centinaia di volte, a campagne pubblicitarie inviate a ripetizione e, più in generale, al sovraccarico di informazioni ricevute senza consenso. Facendo riferimento al celebre sketch dei Monty Python, alcuni utenti dall’animo geek, sommersi da ciarpame telematico, iniziarono quindi a utilizzare il termine spam come sinonimo di reiterazione, ripetizione ossessiva e bombardamento informatico, adattandosi nel corso degli anni al boom dello spam via posta elettronica e al terrorismo telefonico dei call center.

Siamo quindi partiti da una gag sulla carne in scatola del 1970 per finire a parlare dell’utilizzo sconsiderato dei dati sensibili al tempo di internet. Un pezzo di cultura pop della televisione britannica ha identificato e continua a identificare a livello linguistico un fenomeno tipicamente contemporaneo, mettendo insieme prosciutto ed e-mail con un surrealismo che renderebbe i Monty Python fieri più che mai.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >