Ricette
di Chiara Lauretani 3 Maggio 2018

Deep Dish Pizza: from Chicago with love

Ci siamo fatti raccontare cosa significa vivere a Chicago e poter provare l’original deep dish pizza. Goduria vera!

.deep dish pizza and pepperoni pexels - .deep dish pizza and pepperoni

 

Torna per la seconda puntata PAESE CHE VAI, che dopo averci fatto scoprire come mai i canadesi sono così affezionati alla loro poutine, oggi scendiamo geograficamente poco più in basso per fare tappa a Chicago, nel cuore degli Stati Uniti, patria del blues e dei ponti mobili (ne ha veramente tantissimi).

Protagonista della città dei grattacieli è la deep dish pizza, una specie di bomba a mano per il colesterolo che però non si può non assaggiare almeno una volta nella vita. Ce ne ha parlato Antonio, italiano trapiantato da diversi anni a Chicago che non ha avuto dubbi nel rispondere quando gli abbiamo chiesto:“ma lì che si mangiano solitamente?”.

Piatto non troppo difficile per noi italiani da concepire: in pratica si tratta di una nostra pizza versione extra in dimensione, condimento e mozzarella, unica pecca il martoriato parmesan, che secondo gli americani corrisponde al nostro parmigiano reggiano, inutile dire che si sbagliano di grosso. I segni particolari che ci vengono elencati infatti sono i seguenti:

“Spessa 5 cm, il formaggio/mozzarella vale 3-4 cm dell’intero spessore, tempo di cottura 40 minuti, digestione entro le 2 giornate.”

 

.super extra deep dish pizza google - .super extra deep dish pizza

 

Dove mangiarla: assolutamente da Pequod’s Pizza, 2207 N Clybourn Ave, Chicago, IL 60614, Stati Uniti, dalle 11 del mattino in poi, almeno siete proprio proprio sicuri di trovarlo aperto.

Il merito per questa grassissima pizza se lo prendono un po’ tutti, nel senso che ci sono varie scuole di pensiero su come e quando sia nata; quello che sappiamo è che Chicago è la sua terra madre e che esiste all’incirca sin dagli anni ’40. La deep dish pizza, che forse noi italiani chiameremmo più democraticamente torta salata, per la sua preparazione prevede vari step, con procedimenti da svolgere a parte per la crosta, il sugo e i  condimenti extra.

Ingredienti per la crosta (2 deep dish pizza)

  • 3 tazze e 1/4 di farina di tipo ’00
  • mezza tazza di farina di mais
  • 1 cucchiaino e 1/4 di sale
  • 1 cucchiaio di zucchero granulato
  • 1 cubetto di lievito
  • 1 tazza e 1/4 di acqua calda
  • mezza tazza di burro senza sale
  • olio extravergine di oliva (a fiumi!)

Ingredienti per il sugo (2 deep dish pizza)

  • 2 cucchiai di burro senza sale
  • 1 aglio grattugiato
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di origano
  • mezzo cucchiaio di peperoncino tritato
  • 3 chiodi di garofano tritati
  • 500 grammi di passata di pomodoro
  • 1/4 di un cucchiaino di zucchero granulato

Ingredienti per condire (2 deep dish pizza)

  • 4 tazze (belle piene) di mozzarella grattugiata
  • mezza tazza di parmigiano reggiano (quello vero!)
  • opzionali: salame piccante, bacon, salsiccia, cipolle, funghi (chi più ne ha più ne metta)

Preparazione

Si parte preparando l’impasto per la crosta: mischiate assieme tutti gli ingredienti, ad eccezione del burro e dell’olio che vi serviranno una volta che l’impasto è pronto. Impastate bene e cercate di ottenere un pasta liscia e senza grumi; per arrivare al risultato che volete ottenere servitevi dell’acqua calda in caso l’impasto sia troppo duro, o al contrario se risultasse troppo morbido aggiungete un mix fi farina bianca e farina di mais. Una volta ottenuta la consistenza desiderata lasciate riposare e lievitare per almeno 3 ore, tempo necessario per far sì che l’impasto raddoppi di volume. Mettetevi comodi, guardatevi un bel film, e una volta trascorse le ore necessarie, riprendete l’impasto e sbattetelo su una superficie dura per rimuovere le alle d’aria, dopodiché stendetelo dandogli una forma rettangolare e spalmateci sopra il burro (non fuso) che avevate lasciato da parte all’inizio; piegate la pasta su sé stessa e ripete questa operazione più volte. Dal rettangolo formare due palle di impasto e metterle in frigorifero dopo averle coperte di carta alluminio per almeno un’altra 1 ora e mezza (lo sappiamo è lunga ma ne vale la pena!).

E’ il momento di passare al sugo, quindi prendete tutto il necessario e via con la passata di pomodoro suol fuoco lasciandola insaporire con l’aglio, il burro, il peperoncino, l’origano e i chiodi garofano; una volta arrivata a cottura aggiungete pure il sale in base al vostro gusto personale (non troppo che fa male poi!) .

 

Scaldate il forno al massimo e mentre aspettate che arrivi a temperatura tirate fuori le vostre palle di impasto che avevate lasciato in frigo per un’ora e mezzo; stendetele sulle due teglie rotonde avendo l’accortezza di spennellarle con olio d’oliva in modo da permettere alla crosta di diventare croccante. Aggiungete una pioggia di mozzarella grattata a questo punto prendete il vostro saporitissimo sugo e versatelo nel recipiente , aggiungendo a vostro piacimento i condimenti che avete scelto per la vostra deep dish pizza. Gran finale spargete parmigiano grattugiato a piacere sulla superficie.

Ora tutto in forno a 200° per circa 30 minuti o comunque fin quando la crosta non diventa dorata e croccante. Per evitare che i bordi si brucino dopo 15 minuti dalla prima infornata togliere dal forno e coprire con carta alluminio lasciando cuocere per altri 15 minuti a 180°.

Enjoy!

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >