Bere
di redazione 20 Novembre 2018

Come nasce un liquore artigianale? Lo abbiamo chiesto a chi ne ha creato uno

Come nasce un liquore? Da dove si parte? Che ingredienti si usano? Lo abbiamo chiesto a chi ne ha creato uno.

Come nasce un liquore artigianale, da dove si parte? Come si costruisce da zero un sapore completamente diverso da tutti gli altri?

Lo abbiamo chiesto ad Andrea Pastore, barman con alle spalle un’esperienza di 10 anni sul campo che ha deciso di creare un liquore completamente artigianale dal nome i.o.l.e; li abbiamo fatto alcune domande per cercare di capire quali sono i processi creativi e tecnici per ottenere un prodotto unico nel suo genere.

Per noi italiani il liquore ha un valore fondamentale: conclusione perfetta dei nostri pasti, è il “piacere” alcolico che molti di noi si concedono alla fine di una cena o un pranzo, ma dietro ogni piccolo bicchiere che sorseggiamo c’è dietro una scelta, una ricerca e uno studio degli ingredienti ben preciso, e anche il modo in cui lo beviamo fa la sua bella differenza.

Da dove nasce l’idea di creare il proprio liquore?

i.o.l.e. è l’acronimo per: infuso, organico, locale, essenziale, nasce dalla necessità di miscelare un prodotto nuovo, diverso, qualcosa che non riuscivo a trovare nel mercato. Un sapore ed un profumo originali per stimolare la mia creatività, per generare infinte nuove combinazioni di gusto e per esaltare i grandi classici con twist inaspettati.

La ricerca deli ingredienti

Come hai scelto gli ingredienti che andavano a comporre il sapore e il profumo di i.o.l.e.?

Gli ingredienti di i.o.l.e. derivano da un’antica ricetta terapeutica di mia nonna Iolanda. Molto grezza e totalmente naturale, dal sapore intenso e dai grandi benefici grazie alle erbe officinali al suo interno. Lavorando a questo progetto per ben tre anni, sono riuscito a mantenere alcune delle proprietà organolettiche delle piante, tra cui quella antisettica del coriandolo e quella digestiva della ruta. Ho infine modificato alcuni elementi di base, per rendere il prodotto gradevole, bilanciato, qualcosa di unico, mai provato prima.

Come si crea da zero un liquore? che processi devono esserci affinché si possa avere un prodotto finito? Quante fasi sono in tutto?

Creare un liquore da zero è impegnativo, se non si è un professionista del settore. Con tanta passione, studio e con vari tentativi falliti si riesce alla fine a creare inaspettatamente il proprio liquore ideale. I processi di i.o.l.e. sono 3: il  distillato di grano biologico,  l’infusione con aggiunta a mano di essenze e spezie che caratterizzano il suo gusto unico, e un blend finale con ginepro e vermut per bilanciare colore e sapore.

Freschezza

C’è un metodo preciso con cui si dovrebbe bere il vostro i.o.l.e? A che tipo di cibo lo abbineresti?

Il nostro i.o.l.e. è un prodotto molto versatile che, durante quest’ultimo anno di test, ho servito in diverse varianti: liscio o con ghiaccio come digestivo dopo i pasti, con aggiunta di tonica per un pre-dinner favoloso, e con un zest di limone per enfatizzarne tutti i sentori. Si miscela bene con gli agrumi e tutti i tipi di sodati, tra cui il ginger-beer in versione Mule, è perfetto per stimolare la creazione di nuovi drink. Una delle ricette più richieste dai miei clienti è stata quella con 3,75ml di i.o.l.e., tanto ghiaccio, una scorza di limone, tonica quanto basta, il tutto servito in un “Collins alto”. Il taglio conferito da una buona tonica da me selezionata (La Fever Tree Indian Tonic) fa si che diventi “il tonico” perfetto. Ma il mio preferito è ovviamente i.o.l.e. cocktail, servito in una pipa in vetro per conferire al drink la verticalità di agrume e rosa finale. La ricetta è: 3 cl di i.o.l.e., 2,5 cl di S.T.Germain, 3 cl di fresh pompelmo rosa, garnish mix agrumi e bocciolo di rosa dry. Grazie alle sue caratteristiche spezziate e alle note agrumate questo liquore si adatta perfettamente a piatti di pesce crudo. Sentori di cannella e noce moscata si miscelano in creme e dolci regalando una sfumatura alcolica e digestiva a fine pasto.

Quale parte del processo creativo ti è piaciuta di più nel realizzare i.o.l.e?

Direi sicuramente la parte che non si vede, quella che il consumatore finale ovviamente non conosce, ma che è stata fondamentale per creare i.o.l.e.: la ricerca iniziale. È solo con i sacrifici e i numerosi test che siamo giunti ad un prodotto dal nome che è più di un acronimo, è un ricordo legato alla mia infanzia con Nonna Iolanda. Con l’aiuto di Jessica Bello abbiamo progettato la parte grafica, un’etichetta che rispecchia alla perfezione le caratteristiche del prodotto. i.o.l.e. è frutto della collaborazione con la Terrazza Bistrot di Gianmaria Rossi, che ha creduto nel mio progetto e lo ha reso possibile.

Sapori unici

 

Se volete acquistare i.o.l.e e provarlo direttamente a casa vostra (anche come amaro da fine pasto) potete scrivere qui.

Oppure mandate una mail a: ioleliquoreartigianale@gmail.com

Liquoroso! 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >