Polemica
di redazione 5 ottobre 2018

Abbiamo veramente bisogno della carne in scatola?

NO.

La carne in scatola non ha senso di esistere

Partiamo dal presupposto che senza doverne discutere troppo la risposta è sicuramente: no, non ne abbiamo bisogno.

Ma cerchiamo di capire perché mai al genere umano è venuto in mente di creare una diavoleria come la carne in scatola. In Italia si trovano le prime tracce della carne in scatola nel 1929, grazie (o forse no) alla figura del colonnello don Ettore Chiarizia, che si prende il merito dell’invenzione della carne in scatola (ma anche delle zuppe) a favore delle truppe militari che si ritrovavano in località disagiate o sul fronte. Invenzione molto utile dunque, perché garantiva all’esercito un pasto caldo anche in condizioni piuttosto delicate. Dal tempo delle guerre e del fronte però, un po’ di anni sono passati, e nonostante ciò al supermercato il reparto scatolame pullula ancora di carne in scatola avvolta da una tremenda gelatina.

 pixabay

E’ il caso di chiedersi allora: perché al giorno d’oggi sentiamo ancora la necessità di nutrirci di carne in scatola sapendo che il vasto mercato alimentare odierno ci può indubbiamente proporre qualcosa di più sano e salutare? Perché accanto all’insalata invece che metterci la Simmenthal non vi comprate una bella entrecote di manzo alla griglia. Vogliamo continuare a far finta di vivere ai tempi della Spam? L’unica motivazione per cui dovreste acquistare della carne in scatola è nella casistica in cui stiate allestendo un bunker sottoterra in caso di invasione aliena o caduta di meteoriti, altrimenti non si spiega.

Awkward

All’interno della carne in scatola troverete sicuramente un buon apporto di proteine, ma anche grassi e sopratutto una valanga di conservanti. Ma poi, parliamoci chiaro, tutta quella gelatina che racchiude come uno scrigno quel tortino di cibo per gatti non vi fa un po’ impressione? Non vi disturba le papille gustative?

C’è addirittura chi con la carne in scatola ci fa un bel sugo per la pasta. Vi risparmiamo la ricetta perché vi vogliamo bene.

 

CORRELATI >