Polemica
di Simone Stefanini 21 Giugno 2018

La pasta come non andrebbe mai fatta: le 5 ricette peggiori di Tasty

Se volete far del male a qualcuno, invitatelo a cena e propinategli le ricette di Tasty

Conoscete Tasty, il format video di Buzzfeed che in pochi minuti vi mostra delle ricette appetitose e saporite da poter fare anche da soli, senza aver letto manuali vari di cucina né aver mai preso in mano una padella in vita vostra? Un canale Youtube da due milioni e passa di iscritti, un account Instagram con migliaia di follower, una pagina Facebook con 81 milioni di like per una serie di piatti che piaceranno pure agli americani, ma che a guardarli dall’Italia sembrano monnezza pura.

 Tasty

Noi, che non siamo esattamente Masterchef, ci siamo presi la briga e di certo il gusto di guardare un quintale dei loro video con la musichina cheesy di sottofondo, per scegliere i piatti di pasta che non mangeremo nemmeno pagati. Ne abbiamo selezionati 5 più un bonus raccapricciante, che andiamo a commentare qui sotto.

 

1) Pasta cremosa al pollo e funghi

Quando nei video di Tasty leggete One pot, significa che per fare il piatto si usa una sola pentola. Scemi noi che amiamo cuocere la pasta in acqua bollente e intanto rosolare il sugo in un’altra padella. Qui si cuoce prima il petto di pollo con l’olio e il sale, poi si toglie e nella stessa padella ci si buttano cipolla e funghi, e si aggiunge olio a quello che c’era prima. Aglio, timo, paprika, pepe e sale, tutto dentro senza nemmeno assaggiare. Quando quella cosa tremenda è cotta, daje col brodo di pollo e con la panna da cucina, che si mischiano al doppio olio. Portare tutto a ebollizione e poi, magia delle magie, le farfalle buttate dentro crude, da cuocere insieme a quel gorgo. Quando vi sembra di non poter resistere senza vomitare, aggiungete delle belle foglie di spinaci, parmigiano come se piovesse e provate a darlo ai vostri gatti: vi guarderanno come se foste del tutto rincretiniti e si getteranno sulle crocchette del discount.

 

2) Pasta con le polpette svedesi

L’antica ricetta Ikea della pasta con le polpette svedesi: prima vanno create le palle di carne, uovo, formaggio e aromi, poi vanno cotte nel brodo di manzo e nel latte. Quando stanno bollendo nella gora dell’eterno fetore, aggiungete pure delle belle tagliatelle crude, così da far svenire Carlo Cracco da casa. Poi non ci volete mettere un quintale di parmigiano e il prezzemolo? Solo così otterrete una pasta che se non viene mangiata entro 2,5 minuti diventa cemento armato che vi costringe a buttare via anche la padella.

 

3) Penne cremose al pollo

Quando leggo penne cremose, già m’immagino il solito pattume degno del bidone dell’umido, e infatti: prima va rosolata la pancetta, poi nel suo grasso sciolto ci va cotto il petto di pollo, così almeno vi potrete liberare degli zii sovrappeso colpendoli con l’infarto. Sale-pepe-paprika tutto senza assaggiare mai, aglio-spinaci-pomodori e poi un bel catino di panna liquida che ti fa somigliare il contenuto in padella a una di quelle belle vomitate dopo il quinto gin tonic sabato scorso. Parmigiano e poi nel calderone della strega cattiva ci si buttano le penne al dente. Prezzemolino e via con l’impiattamento e il conseguente ictus.

 

4) Pasta all’Alfredo con spinaci, gamberi e pancetta

Avete letto bene, spinaci, gamberi e pancetta. La ricetta originale conteneva anche vinavil e una manciata di chiodi da legno, ma qui si sono tenuti light. Buttate i gamberi nel recipiente, li cuocete e li togliete, poi spinaci e aglio da sentircisi male, alché uno tsunami di panna liquida portata a ebollizione tipo geyser in cui getterete le tagliatelle al dente, insieme coi gamberi, la pancetta precotta, il solito camion di parmigiano e il prezzemolo a dare colore. Poi la mettete in un sacchetto fuori dalla porta e grazie al suo odore terrete alla larga insetti e Testimoni di Geova.

 

5) Pasta cremosa al pesto

Di nuovo l’aggettivo cremoso, ad impaurire anche i più coraggiosi. Stavolta si parla di come gli americani fanno il pesto, roba da arresto coatto e Guantanamo senza passare dal via. Basilico, pinoli, aglio, sale, pepe, acqua, parmigiano (tre tonnellate) e panna liquida, poi frullare bene tutto. Intanto si tagliano i pomodorini a metà, e qui i genovesi amanti del pesto già si sentono poco bene. Ecco il rush finale: fusilli al dente in padella coi pomodori e quella brodaglia verde che loro chiamano pesto e che noi amiamo chiamare rigetto satanico della bambina dell’Esorcista. Siccome agli americani sembra troppo dietetico, ci mettono 50 mozzarelle, un altro megatone di parmigiano e buttano tutto nel forno. Il piatto raggiunge il peso specifico di un palazzo in centro ed è ottimo se trovate i ladri in casa, perché ferma anche le pallottole.

 

BONUS: Spaghetti al vino rosso

Il bonus è un regalo che ci sentiamo di condividere con voi, amici. Si tratta di spaghetti cotti nel Tavernello, conditi con aglio, aromi e ancora Tavernello, fino a che non fanno così schifo che non li mangerebbe neanche Bukowski. Ringraziateci pure nei commenti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >