Ricette
di Chiara Lauretani 17 Aprile 2018

Canada: poutine mon amour

Poutine. Non è una parolaccia, ma il piatto simbolo del Canada. Ed è una questione seria.

Ingredienti:

  • 300g di french fries surgelate
  • 100g di cheddar cheese (o galbanino)
  • 1 quarto di litro di brodo di pollo o di vitello
  • 50g di farina
  • 50g di burro non salato
  • sale e pepe a piacere

Paese che vai, piatto che trovi.

Inauguriamo oggi la rubrica PAESE CHE VAI, una raccolta di articoli dove vi illustriamo il piatto tipico di un paese raccontato da chi ci abita e lo vive tutti i giorni. Per dare il via alle danze siamo andati a cercare oltreoceano, al Nord, nella fredda, ma sempre gentile, Canada, coordinate precise 45° 28′ 0″ N, 73° 45′ 0″ W: Montreal.  

Daniele, italiano trapiantato in terra canadese da ormai più di dieci anni ci ha raccontato non solo la storia e le curiosità ma anche dove andare, nel caso volessimo assaggiare la famosa poutine canadese, che ad occhio poco esperto potrebbero sembrare delle semplici patatine fritte con salsa, ma dietro si nasconde molto di più.

Notte fuori a Montréal. Che sia andato a ballare nei locali underground electro della rue St. Catherine o a bere in una delle birrerie artigianali di quartiere o ancora abbia approfittato degli appuntamenti culturali che caratterizzano la metropoli, se sei in compagnia di amici nostrani molto probabilmente verrai trascinato a mangiare una poutine per concludere la serata. Già, come italico infatti non ti verrebbe spontaneo d’abbuffarti al termine della notte con patate fritte e formaggio fresco, affogate in una salsa brunastra che resta un mistero sia nell’odore che nella sua composizione chimico-organica. Paese che vai…

La poutine in Québec – e oltre, perché sempre di più la troviamo come on side anche nelle catene fast-food statunitensi della costa atlantica – fa furore, è un’istituzione, non si discute. Le sue origini, come tutti i prodotti leggendari, si perdono nella storia del XX secolo; le due tesi più accreditate sembrano essere le seguenti:

Drummondville, paesone di passaggio al centro della provinciale tra Montréal e Québec City, economia industriale grazie alla centrale idroelettrica costruita negli anni ’20. Al ristorante “Le Roy de la patate”, verso la fine degli anni ’50, Mr. Jean-Paul Roy serve ai suoi clienti delle patate fritte condite con una salsa a base di brodo di manzo e spezie, la salsa “brune”. A volte, su richiesta degli avventori, ci aggiunge qualche grano di formaggio. Gli affari gli vanno bene tanto che decide di acquistare un altro ristorante “Le Roy Jucep”. Qui, nei primi anni ’60, include nel menu questa curiosità gastronomica e la chiama “poutine”. Il brand nasce così. Tanto che negli anni ’90, il senso pratico del nuovo proprietario lo porta a iscriverne il nome su carta bollata presso il registro delle proprietà intellettuali del Québec.

Carta canta, ma non tutti sono d’accordo con questa tradizione. Ecco qua la seconda versione:

Warwick, un paese oggi di poco più 4000 anime, non lontano dall’asse Montréal – Québec City. Un paesaggio da calma piatta, provincia, aggiungi un inverno di 6 mesi, cena alle 5 e nanna alle 9. Un pomeriggio di fine estate nel ‘57 un tal Fernand Lachance, muratore riconvertito alla tavola calda, su richiesta di Mr. Eddy Lainesse, si trovò a imbustare take away delle patatine fritte con dei grani di formaggio fresco: « Ça va faire une maudite belle poutine ! » [trad.: “Sarà un dannato bel pasticcio”]. Esatto, Nando: ecco creato il mito!

Il dibattito è tutt’ora acceso tra le due versioni di storia. Poco importa. Diversi chef si sono cimentati con la loro versione “haute cuisine” dello snack popolare. Per onore della cronaca, bisogna ricordare che le patate fritte in Nord America – almeno quelle artigianali e non fatte con sottoprodotti – non ricordano il dorato piacere a cui è abituato il palato europeo –  fierezza belga della tecnica della doppia frittura che concede allo stick di tubero l’erezione del croccante esterno ed il tenero caldo interno – ma, immerse in singolo bagno d’olio, sono spesso spugnose, nerastre e mollicce, a seconda della qualità della frittura. Aggiungi questa salsa “brune”, poco identificata ed identificabile, che irrora copiosamente un formaggio cheddar in grani skouik-skouik  – tale è familiarmente chiamato il formaggio dedito alla poutine, in vendita ai supermercati in piccoli sacchetti monodose vicino alle casse – dal sapore atono, ma salato ed è chiaro che la peggior sbornia viene assorbita e tamponata da questo mélange triviale e calorico.

Se quindi non possiamo guardare al prodotto, definito anche dai critici culinari locali “trash”, l’appeal della poutine è forse da ricercare nell’atmosfera che l’attornia: uno snack solido, sostanzioso, appagante come uno spuntino di street food, divorato in un contesto sociale, festivo, notturno. Il fascino del tempo gettato nella notte, per chi ha la speranza di tanto tempo ancora davanti, il profumo della gioventù, dove il colesterolo è solo una parola e ben si addice allo stile di vita canadese, dove l’energia che si sprigiona quando finalmente l’ultima neve si è sciolta e le notti cominciano ad intiepidirsi è palpabile, viva e da celebrare.

La poutine fa schifo, viva la poutine!

 

Dove andarla a mangiare:

La Banquise [994 rue Rachel E., Montréal] : ormai un’istituzione per la poutine night life. Ma non sei il solo a saperlo! Aspettati dunque un line up impegnativo prima del banchetto!  Se scegli la T-Rex (carne macinata, salame locale, bacon e wurstel hot-dog) hai diritto a una dose di soda caustica per sbloccare le arterie….

Au Pié de Cochon [536 Avenue Duluth E, Montréal]: per una reinterpretazione della poutine in chiave fusion cuisine française. La poutine au foie gras è da provare almeno una volta nella vita. Sconsigliato ai nazionalisti gastronomici di ogni sorta del vecchio continente…

Restaurant Chez Claudette [351 Laurier Ave E, Montréal]: fuori da ogni schema e ristorante fuori dal tempo. Se ti siedi sulle panchette del Chez Claudette sei probabilmente già navigato nell’underground della vita montrealese e cosciente che la sua poutine marchierà una tappa importante nella tua esistenza. Esperienza mistica!

 

La poutine è roba seria per i canadesi, non ci si scherza sopra. Noi le basi ve le abbiamo date, ora tocca a voi:

 

 

Preparazione: 

Per la salsa bollite in un pentolino il brodo insieme alla farina e al burro a fuoco alto per almeno 2 o 3 minuti, dopodiché lasciate andare a fuoco lento almeno per 35 minuti totali, di modo tale da ottenere una salsa densa a cui potrete aggiungere sale e pepe a piacere (in alcune ricette oltre alla farina vengono aggiunte anche 3 cucchiai di amido di mais per renderlo ancora più corposo). Friggete le patate in olio di semi bollente (se riuscite a fare la doppia frittura 10 punti a Grifondoro!) e una volta scolate mettete sul fondo del vostro piatto il cheddar, così da creare un letto dove poggiare le patatine e guarnire con la vostra squisita salsa.

 

E’ proprio il caso di dirlo: ça va faire une maudite poutine! 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >