Ricette
di Chiara Lauretani 19 Aprile 2018

Tutti i modi in cui NON si cucina un trancio di salmone

A volte in cucina la chiave del successo è farla semplice.

 Pixabay

Nuovo giorno, nuova rubrica: oggi infatti ci faremo aiutare da quello che è il genere horror, o meglio a una sua sottocategoria: lo splatter.

Per la rubrica “siamo tutti bravi in cucina” tramite questa rubrica utilissima impareremo a capire tutti i modi in cui (si spera inconsapevolmente) profaniamo, uccidiamo, sminchiamo e cuciniamo nella maniera più sbagliata un alimento.

Primo giro, prima corsa, ad aprire le danze di questa nuova pagina di informazione culinaria, sarà: il salmone!

 Pixabay

Il salmo salar, comunemente chiamato salmone dell’Atlantico, è un pesce osseo d’acqua dolce e marina tipico dei mari temperati e freddi del nord Atlantico. E’ presente sulle tavole di praticamente tutto il mondo, non solo per le sue proprietà organolettiche che lo rendono irresistibile al nostro gusto, olfatto e vista con quel filetto dal colore roseo e il sapore delicato (abbinabile praticamente con tutto) ma anche, e soprattutto, per i principi nutritivi che lo pongono alla base di un’alimentazione sana e bilanciata. Oltre ad essere una fonte irrinunciabile di Omega 3 che aiutano a combattere il colesterolo e prevenire cellule tumorali, il salmone è anche ricco di grassi polinsaturi, i cosiddetti acidi grassi “buoni” (sì esistono, lo sappiamo, è la notizia del secolo) dai quali il nostro fisico trae dei benefici incredibili.

Foto da Pixabay  Foto da Pixabay

Siamo abituati a vederlo in tutte le forme e in ogni tradizione culinaria, è il cibo meltingpot per eccellenza: sul pane tostato con l’avocado, sui nighiri del sushi, sotto forma di tartare, affumicato con una spruzzata di limone, come sugo per la pasta, al forno con le patate oppure sotto forma  di carpaccio. Ma se ne compriamo un bel trancio fresco al supermercato e ce lo vogliamo cucinare a casa, dentro le quattro mura dei nostri fornelli cos’è che non dobbiamo mai fare?

 

COME CUCINARE IL SALMONE

Il salmone è un pesce delicato e pieno di succhi preziosi, ergo non trattatelo come fosse il sofficino ripieno di mozzarella e funghi del reparto surgelati: va trattato con gentilezza. Bisogna dare una bella scottata a fuoco medio alto solamente all’inizio, riponendo il salmone sulla padella dalla parte della pelle (che fa da “scudo”) per non più di 5 minuti, così da rendere la pelle croccante; per il resto girate delicatamente il vostro trancio e continuate la cottura a fuoco rigorosamente molto basso. I tempi di cottura del salmone sono veramente ridotti, non più di 7/8 minuti totali, vi ritroverete altrimenti a mangiare (citando Joe Bastianich) la suoletta delle scarpe di Ghandi.

 Pixabay

DOVE CUCINARE IL SALMONE

La padella! Lo so sembra scontato, ma per quanto il salmone si possa cucinare in tanti modi diversi, la scelta della padella è sempre essenziale. Con l’antiaderente non sbagliate mai, visto e considerato che il salmone è un pesce che si sfalda facilmente, oltre ad attaccarsi come una cozza ad ogni superficie non adatta alla sua carne tenera. Accettabile dunque la griglia, ma non la miglior opzione se si vogliono mantenere intatti tutte le sue nobili proprietà, perfetto invece il forno a temperature non troppo alte (non state facendo il tacchino per giorno del Ringraziamento ricordatevelo!), infine ultimo consiglio spassionato: cucinatelo semplice! Questa regola può essere applicata in generale ad ogni specie di pesce, ma per il salmone vale doppio visto il largo uso che se ne fa: con un poco di limone, un filo d’olio, qualche base cremosa non invadente, insomma più la lasciate al naturale più ne apprezzerete il gusto.

 

Se becchiamo qualcuno che ci mette il parmigiano, gli tagliamo le manine. 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >