ABBIAMO MANGIATO DA 28 POSTI A MILANO

Dall’incontro tra tradizione italiana e cultura nordica, un viaggio capace di portarci ad ogni angolo culinario del mondo

A inizio luglio, durante una partita degli europei, ci siamo seduti in un locale in zona Ticinese e abbiamo iniziato un viaggio. Lo definiamo viaggio perché ogni piatto, chiudendo gli occhi, poteva riportare a luoghi vicini e lontani, i 28 Posti che danno il nome al ristorante. Il nostro Caronte (benchè nelle pietanza fossero paradisiache) è stato Chef Ambrosino: procidano di nascita, inizia a sporcarsi le mani fin da giovane al Melograno di Ischia con la chef Libera Iovine. Nel 2012 viene chiamato al Noma di Copenhagen ed è qui, con Redzepi, che inizia a creare la sua idea di cucina unendo la tradizione profondamente italiana all’approccio minimale nordico: poche materie, sguardo al futuro, studio della natura e nuove tecniche. Chef Ambrosino è anche l’ideatore di “Collettivo mediterraneo”, un progetto che si propone di raccontare e promuovere la multiculturalità, la biodiversità e le antiche tradizione che fanno parte della cultura dello Stivale.

Anche 28 posti è stato messo a dura prova in quest’ultimo anno e mezzo e chef Ambrosino ha deciso che non era possibile portare la sua idea di cucina direttamente nelle case delle persone, ha quindi optato per la creazione di un altro menu mantenendo il loro approccio e i loro ingredienti. Nasce cosi la gastronomia di quartiere con il menu delivery, in una città satura come Milano, un’idea di cucina non solo attenta all’estetica ma alla storia degli ingredienti, alle origini e alle tradizioni. Ma andiamo al dunque e scopriamo le tappe del viaggio.

Si comincia con piccoli assaggi: il macaron alle alici e il pane caldo di tumminia servito con burro alle cipolle bruciate (ebbene sì, non è tiramisù quello nella foto).

La seconda tappa sa di Mediterraneo: pomodoro in conserva di alghe cotto su legna, skordalia di mandorle, tartufo nero, brodo di pomodoro e agrumi e olio alla griglia. I movimenti dovuti alle migrazioni, agli insediamenti nel Mediterraneo hanno portato in questo piatto alcuni semi di particolari pomodori “tre canti”. Dalla colonia ligure, i Tabarchini si sono spostati a Tabarca per poi stabilirsi nell’isola di San pietro in Sardegna, dove ancora oggi si parla il dialetto ligure. Che strani viaggi questi pomodori!

Il piatto che però ha fatto esclamare “wow” è stata l’ostrica alla griglia con marsala di pomodoro e olio di lentisco, il tutto accompagnato da un aggressivo vino di pane fermentato che si fa apprezzare solo dopo qualche sorseggio.

Le trottole cotte in brodo di lische affumicate con battuto di molluschi, tuorlo d’uovo e olio di sommaco sono un grande esempio di attenzione verso la stagionalità e il recupero, leggermente al dente, vengono abbracciate completamente dal condimento.

La tappa che invece ci ha catapultati in sud est asiatico, pur rimanendo sui Navigli, è stato il pesce cotto nel ghee alle rose, curry verde, zucchine fermentate e succo di kimchi dei suoi fiori. Per un attimo il curry ci ha presi per mano e portati in giro per le strade di Siem Reap.

Ma il piatto più sorprendente – forse per i gusti, forse per la storia raccontata dallo chef mentre cominciavamo a condividere- è stato il bouquet di erbe aromatiche e incenso accompagnate da salsa greca alle mandorle e focaccine gatah ripiene di pasta di agnello fermentata e scarti di agnello. Un capolavoro che racchiude l’essenza di Grecia, Italia, Turchia, Tunisia.

Poco prima di assaggiare i dolci, ci viene servito un’ultima pietanza salata: spaghettini, acqua di orzo fermentata e miso di ceci neri. Siamo andati controcorrente e la pasta la mangiamo alla fine!

Arriva finalmente il dolce che si intitola “Giardino mediterraneo” con carruba, chiodi di garofano, marsala e sommacco. Lo chef ci racconta che il sommaco si usa fin dall’età imperiale addirittura per conciare le pelli data la ricchezza di tannino. Apparentemente croccante la cialda si rivela burro che si scioglie in bocca. Il viaggio termina qui, e noi non vediamo l’ora di tornare in autunno quando il menù cambierà di nuovo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >