Ristoranti
di Chiara Lauretani 12 Novembre 2018

Siamo andati a mangiare al ristorante XVI secolo ed è stato speciale

Nel cuore della campagna bresciana una gemma della ristorazione vi fa provare un vero e proprio viaggio nel cibo.

Qualche sera fa abbiamo preso la macchina e ci siamo avventurati nella campagna bresciana.

A un’ora esatta da Milano, nella bassa bresciana, a Pudiano, una piccola frazione di Orzinuovi, si trova il ristorante XVI secolo, così chiamato proprio per essere il feudo dei conti Caprioli fin dal 1500. Uno stabile con una storia importante che ha visto prendere nuova vita dall’aprile del 2016 grazie allo chef  Simone Breda e alla sua compagna, nonché sommelier, Liana Genini.

Innovazione

Simone Breda e Liana Genini  Simone Breda e Liana Genini

Simone Breda, chef classe 1985 decide sin da giovanissimo che la sua strada sarà la cucina; nel 2009 entrerà come stagista da L’Albereta Relais e Châteaux a Erbusco, in Franciacorta, dove sotto l’insegnamento di Gualtieri Marchesi diventerà in breve tempo capo partita; ci rimarrà per due anni, guidato da chef come Fabrizio Molteni e Massimiliano Aresi. Questo era solo l’inizio dato che nel corso degli anni il suo curriculum vanta altri importanti nomi della cucina italiana e non: nel 2011 insieme alla compagna Liana, entra a far parte dello staff del Clandestino, il Sushi Bar dello chef Moreno Cedroni mentre qualche anno dopo la coppia decide che è il momento di guardare anche fuori dall’Italia trasferendosi nella Svizzera francese; inizialmente presso lo Chalet d’Adrien, un luxury hotel 5 stelle che ospita il ristorante La Table d’Adrien, 1° Stella Michelin, di cui presto lo chef Breda sarà sous-chef; qualche anno dopo sarà chef all’ Art de Vivre, hotel 4 stelle, a Crans-Montana, nel Canton Vallese. In Italia la coppia farà rientro nel 2015, quando Breda dovrà dirigere la cucina dello Spazio7 nella Galleria d’Arte Contemporanea di Re Rebaudengo, a Torino. La svolta della giovane coppia della cucina avviene nell’aprile del 2016, dove, dopo tanti anni passati nelle cucine più sofisticate e a contatto con grandi maestri del cibo, decidono che è il momento di provare a fare da soli, proponendo tutto quello imparato fino a quel giorno in piccole opere d’arte commestibili. 

Freschezza

Cappellacci, cavolfiore, crudo di gambero rosso e brodo di Patanegra  Cappellacci, cavolfiore, crudo di gambero rosso e brodo di Patanegra

Quello che abbiamo potuto constatare noi da XVI secolo, attraverso le nostre papille gustative, è stato un vero e proprio viaggio di sapori: dall’entree iniziale, passando per il pane, il vino, fino ad arrivare ai dolci. La bellezza estetica iniziale dei piatti che ci venivano presentati ha fatto largo a sapori perfettamente bilanciati, preparati con ingredienti freschi ma sopratutto rivisitandoli in una chiave inaspettata. Una cena ad alto livello, da potersi concedere non solo quando si vuole festeggiare un avvenimento importante ma anche solo per regalarsi un’esperienza sensoriale diversa dal solito, perché in fondo mangiare bene e con ingredienti di qualità è un regalo che dovremmo farci sempre più spesso.

Tradizione

Ecco (alcune) delle cose più buone che abbiamo assaggiato per voi.

Capesante, midollo e pesto di noci, si scioglieva in bocca.

 

Zuppetta di mandorle, animelle e tamarindo, quando credi che non sia possibile mischiare certi ingredienti insieme e invece ti sbagli di grosso, sublime! 

 

Risotto al Franciacorta, salvia e fondo di capretto: un tripudio di sapori forti e decisi ma non invadenti, abbiamo pulito il piatto.

 

Branzino, carciofo, ostrica e cedro al carbone: freschezza e mare.

 

Anatra, sedano di Verona, prugne e ginepro: tutti i sapori dell’autunno in un piatto perfetto.

 

Close up di una parte della portata di piccola pasticceria che ci ha fatto concludere l’intera cena con un tocco goloso e delicato (marsh-mallow allo yoghurt, gianduia, gelatine di ananas, biscotti alla cannella e mousse di mela)

 

Dimostrazione del fatto che il cibo, a volte, può essere un vero e proprio viaggio. 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >