Society
di Chiara Lauretani 15 Giugno 2018

Cheese addiction: il formaggio come la tossicodipendenza

Formaggio croce e delizia, non ne possiamo fare a meno anche se sappiamo che spesso non ci fa semper bene.

Say cheese!

Allora parliamoci chiaro: il formaggio, di qualsiasi forma o provenienza sia, è forse una delle cose più buone esistenti sulla terra. Il formaggio è democratico, mette d’accordo tutti, è forma di espressione libera: c’è il pecorino (stagionato o meno), il parmigiano reggiano, la mozzarella, il taleggio, la stracciatella, la crescenza (o stracchino?), la provola, il brie, la treccia, la ricotta (salata, di pecora, di mucca, di capra), il primo sale, la feta, santo cielo stavamo per dimenticarci il gorgonzola!

 unsplash

Un pensiero va a tutti gli intolleranti al lattosio, che con immenso dolore devono rinunciare a strafogarsi di ogni tipo di latticino da accompagnare a qualsiasi tipo di piatto. Sì perché un’altra cosa che andrebbe notata è che noi italiani il formaggio lo mettiamo o lo aggiungiamo davvero a qualsiasi cosa: che sia la spolverata sopra la pasta, il tagliere con i salumi, il panino con la mortadella, la pizza, le pere e il miele, i dolci, ogni pietanza ha la sua perfetta cheese combo. Ma cosa è che rende il latte un alimento a cui si rinuncia così difficilmente? Pare sia tutta colpa della caseina, che crea un vero e proprio processo chimico interno che ci rende letteralmente dipendenti da questo alimento; gli studiosi dell’Università del Michigan hanno portato avanti uno studio, campionato su un numero consistente di studenti, dove hanno potuto constatare come il formaggio sia il primo di una lista variegata di alimenti a cui non si riesce a dire di no, a causa dell’appagamento sensoriale che produce in ognuno di noi. La colpa infatti sta tutta dentro il nostro stomaco: quando mangiamo un qualsiasi tipo di latticino la caseina presente in esso si scinde durante la digestione rilasciando una serie di oppiacei, chiamate le casomorfine.

 unsplash

Insomma quasi come la dipendenza da eroina. Chiaramente non è paragonabile all’effetto che le droghe hanno sul nostro cervello, ma si aggiudica il primo posto tra tutti gli alimenti che creano delle vere e proprie addiction. 

Formaggio, pere e miele

Per avere un’ulteriore prova abbiamo provato a fare qualche semplice domanda a Sara, una vera cheese addicted:

Quanto formaggio mangi solitamente?

Non tutti i giorni ma comunque molto spesso, lo mangio con molta tranquillità dato che non ho problemi di salute specifici; per esempio non esiste per me mangiare la pasta (dove si può) senza formaggio.

Quale è il periodo più lungo in cui non hai mangiato formaggio?

Non mi ricordo, perché probabilmente non c’è mai stato.

Il tuo formaggio preferito (se esiste).

Ne ho (ovviamente) più di uno, degli stagionati sicuramente il grana o comunque il parmigiano reggiano, dei formaggi freschi invece tutti, non esiste un formaggio che non mi piace

La sensazione che provi una volta che ti mangi il tuo piatto preferito con il formaggio.

Non è tanto l’appagamento nel magiarlo quanto la delusione che avrei nel non mangiarlo in un piatto in cui ci starebbe da dio.

 unsplash

Memo per voi: il troppo stroppia sempre, quindi usate il formaggio con parsimonia ed equilibrio dato che, come ben sappiamo, rientra in quella categoria di alimenti grassi che sono pieni di elementi che non contribuiscono alla salute del nostro organismo. Quindi formaggio sì, ma con moderazione.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >