Strano
di Chiara Lauretani 28 agosto 2018

Mukbang: quando ascoltare il rumore di chi mastica è la cosa che preferite

Misofoni di tutta Italia state alla larga da questo articolo: ci sono persone a cui piace sentire il rumore di chi mastica forte.

Mukbang chi?

Misofoni all’ascolto questo non è un articolo che fa per voi. 

E’ iniziato tutto in Corea qualche anno fa e pare proprio non sia stato un fenomeno di passaggio, dato che alcuni di questi canali Youtube vantano milioni di iscritti da tutto il mondo. Stiamo parlando del Mukbang, che non è una strana pratica sessuale, bensì un broadcast audiovisivo che riprende persone intente a mangiare: non è troppo importante se stanno gustando un piatto di noodles, una tavoletta di cioccolato, sushi, carne o pesce, a quanto pare la cosa che riceve maggiore importanza è il suono che viene emesso durante la loro masticazione.

Non è una supercazzola

Nella stanza di un perfetto muk-bang oltre ad un tavolo e una telecamera dove riprendersi non può mancare di certo il cibo, ma cosa ben più importante, un microfono in cui ampliare il suono della masticazione. Capiamo la vostra perplessità, ma è giusto anche sappiate che tra i centinaia di account Youtube che mettono in atto questo tipo di pratica molti vantano milioni di views (pare per esempio che masticare miele vi porti praticamente tra le tendenze Youtube).

Ovviamente essendo video molto lunghi (nel senso che durano non meno di 10 minuti) diventano anche occasione in cui scambiarsi consigli culinari, ricette, recensioni su alimenti; addirittura ce ne sono alcuni che amano mostrare come si cucina il piatto che poi andranno a masticare davanti alla telecamera. Tutto dipende da cosa preferite: una presenza silenziosa che mastica pazientemente e magari se deve parlare bisbiglia in maniera quasi impercettibile, oppure una compagnia attiva che conversa per la durata di tutto il pasto.

Insomma in qualsiasi modo la vogliate vedere, questa particolare passione ha il suo potere aggregatore, tanto da creare delle community e chat online, dove è possibile creare dei veri e propri legami virtuali.

Domani in pausa pranzo, se vi sentite soli sapete cosa digitare sul vostro motore di ricerca. 

 

CORRELATI >