Cosa si mangia a Capodanno nel mondo
Viaggi
di chiara dell'oro 29 Dicembre 2021

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

In Italia ci sono lenticchie e cotechino, ma quali sono le altre tradizioni culinarie per iniziare al meglio l’anno nuovo? Cosa si mangia a Capodanno nel mondo?

Pensavi che la soluzione per vivere un anno da favola fosse mangiare lenticchie e cotechino? Sappi che non per tutti è così, ogni posto nel mondo ha le sue tradizioni e i suoi piatti porta fortuna.

Zuppa di cipolle, uva, pudding sono solo alcuni dei piatti che nelle parti del mondo non devono assolutamente mancare durante il cenone di Capodanno e che devono essere gustati allo scoccare della mezzanotte. Insomma, dove c’è cibo c’è anche fortuna e decidere di iniziare una dieta il31 dicembre non è proprio consigliabile,

Sai cosa si mangia a Capodanno nel mondo? Prima di iniziare ad organizzare il menù per il tuo Capodanno prendi qualche spunto dalle tradizioni culinarie di capodanno degli altri paesi per iniziare al meglio l’anno nuovo. Non fermarti alle lenticchie, questo 2022 deve spaccare!

 

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo per iniziare al meglio l’anno nuovo?

Belgio

In Belgio, durante le prime luci dell’alba, per tradizione si mangia un bel piatto di zuppa di cipolle. Lo scopo è purificare il corpo e iniziare al meglio il nuovo anno. Per non farsi mancare nulla, e se si desidera essere ancora più fortunati, sotto ogni piatto vengono nascoste delle monetine o delle foglie di cavolo come amuleti contro la sfiga.

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

Francia

In Francia allo scoccare della mezzanotte non possono non essere presenti Fois gras, ostriche, escargots e un brindisi a base di champagne. Non dimenticatevi poi di baciare il vostro amato ( o la vostra amata) sotto il vischio (le gui).

Grecia

In Grecia il cenone di capodanno si conclude con due diverse tradizioni: la Torta di San Basilio e il melograno.

1- Nell’impasto della Torta di San Basilio viene nascosta una monetina. Chi riuscirà a trovarla avrà fortuna per il nuovo anno.

2- La seconda tradizione è la rottura di un melograno da parte degli ospiti. Il melograno deve essere lanciato a terra lasciando che i chicchi si spargano sul suolo. Se i chicchi sono tanti il nuovo anno sarà sicuramente fortunato

tradizioni capodanno Grecia

Spagna e Sud America

Se siete persone scaramantiche questa tradizione potete facilmente ripeterla anche voi.

Inserite l’uva nella lista della spesa per il cenone di Capodanno. Dopo le lenticchie e il cotechino prendete 12 acini, non uno di meno non uno di più, e mangiatene uno alla volta. Assicureranno fortuna durante tutti i mesi del nuovo ’anno.

Germania

Arrivata la mezzanotte in Germania si beve lo Feuerzangenbowle, una bevanda dal nome impronunciabile a base di vino, cannella e rum. A fine serata e poi importantissimo non dimenticare di lasciare sul tavolo un piatto stracolmo di cibo, in segno di prosperità e abbondanza. Mi raccomando quindi, se vi trovate in Germania state attenti a non finire tutto il cibo della vostra cena.

Qui trovate una ricetta per imparare a cucinarlo!

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

Olanda

In Olanda il capodanno è rappresentato dal cerchio, simbolo di inizio dell’anno nuovo. Immancabili quindi sono tutti i dolci rotondi: ciambelle, deliziosi bomboloni ripieni di crema, appelflappen (le sfogliatelle ripiene di crema), oliebollen, le tipiche frittelle olandesi …l’importante è che siano assolutamente rotondi e ovviamente buoni.

tradizioni capodanno Olanda

Estonia

Se volete sapere cosa si mangia a Capodanno nel mondo dovete assolutamente conoscere questa tradizione. Avete mai sentito parlare dei 7 pasti dell’Estonia? Se per il nuovo anno si desidera avere fortuna,  in Estonia la tradizione prevede di mangiare 7 portate tra il 31 e il primo giorno dell’anno. In questo modo durante l’anno nuovo si otterrà ricchezza e prosperità.

Questa bizzarra tradizione deriva da una leggenda sovietica. Secondo la storia mangiando sette portate si sarà in grado di immagazzinare la forza di sette uomini. Più pasti si mangeranno più si sarà forti e fortunati, quindi la sera prima è meglio fare attenzione e cercare di non mangiare troppo.

Giappone

In Giappone i piatti tipici del Capodanno sono moltissimi e vengono preparati in base al loro significato:

1- il kouhaku kamaboko, la torta di pesce. Porta gioia e sacralità grazie al rosso e al bianco del pesce con il quale è preparato;

2- i kuromame, ovvero i semi di soia nera che portano buona salute. I giapponesi sono soliti chiamarli fagioli per la loro somiglianza con questo legume.

3- l’otoso, un particolare sakè speziato, in grado di uccidere gli spiriti cattivi e di garantire un anno senza malattie e seccature;

4- I noodles, assicurano invece longevità. Ma attenzione, il loro potere di portafortuna funziona solo se sono lunghissimi e se non si spezzano durante la cottura!

tradizioni capodanno Giappone

 

E per quanto riguarda i brindisi? Anche in questo caso esistono diversi rituali scaramantici

Russia

In Russia la tradizione prevede che i desideri per l’anno nuovo vengano scritti su un pezzo di carta. In seguito la carta viene bruciata e una piccola parte delle ceneri deve essere aggiunta allo champagne con cui si brinderà allo scoccare della mezzanotte.

Affinché il rituale funzioni, il bicchiere deve essere svuotato in 60 secondi, altrimenti il desiderio non si avvererà mai!

Brasile

Anche il Brasile possiede il suo tradizionale brindisi. Per avere infinita fortuna durante il nuovo anno, il calice di vino deve essere lanciato alle proprie spalle.

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
4,00 €

Bacchette cinesi in acciaio

Realizzate in acciaio inox, queste chopstick sono facili da maneggiare e riutilizzabili. Custodiscile nella tua cucina per gustare una cena asiatica direttamente a casa tua. CARATTERISTICHE dimensioni 23 cm design quadrato   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30 gg.    
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >