Cosa si mangia a Capodanno nel mondo
Viaggi
di chiara dell'oro 29 Dicembre 2021

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

In Italia ci sono lenticchie e cotechino, ma quali sono le altre tradizioni culinarie per iniziare al meglio l’anno nuovo? Cosa si mangia a Capodanno nel mondo?

Pensavi che la soluzione per vivere un anno da favola fosse mangiare lenticchie e cotechino? Sappi che non per tutti è così, ogni posto nel mondo ha le sue tradizioni e i suoi piatti porta fortuna.

Zuppa di cipolle, uva, pudding sono solo alcuni dei piatti che nelle parti del mondo non devono assolutamente mancare durante il cenone di Capodanno e che devono essere gustati allo scoccare della mezzanotte. Insomma, dove c’è cibo c’è anche fortuna e decidere di iniziare una dieta il31 dicembre non è proprio consigliabile,

Sai cosa si mangia a Capodanno nel mondo? Prima di iniziare ad organizzare il menù per il tuo Capodanno prendi qualche spunto dalle tradizioni culinarie di capodanno degli altri paesi per iniziare al meglio l’anno nuovo. Non fermarti alle lenticchie, questo 2022 deve spaccare!

 

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo per iniziare al meglio l’anno nuovo?

Belgio

In Belgio, durante le prime luci dell’alba, per tradizione si mangia un bel piatto di zuppa di cipolle. Lo scopo è purificare il corpo e iniziare al meglio il nuovo anno. Per non farsi mancare nulla, e se si desidera essere ancora più fortunati, sotto ogni piatto vengono nascoste delle monetine o delle foglie di cavolo come amuleti contro la sfiga.

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

Francia

In Francia allo scoccare della mezzanotte non possono non essere presenti Fois gras, ostriche, escargots e un brindisi a base di champagne. Non dimenticatevi poi di baciare il vostro amato ( o la vostra amata) sotto il vischio (le gui).

Grecia

In Grecia il cenone di capodanno si conclude con due diverse tradizioni: la Torta di San Basilio e il melograno.

1- Nell’impasto della Torta di San Basilio viene nascosta una monetina. Chi riuscirà a trovarla avrà fortuna per il nuovo anno.

2- La seconda tradizione è la rottura di un melograno da parte degli ospiti. Il melograno deve essere lanciato a terra lasciando che i chicchi si spargano sul suolo. Se i chicchi sono tanti il nuovo anno sarà sicuramente fortunato

tradizioni capodanno Grecia

Spagna e Sud America

Se siete persone scaramantiche questa tradizione potete facilmente ripeterla anche voi.

Inserite l’uva nella lista della spesa per il cenone di Capodanno. Dopo le lenticchie e il cotechino prendete 12 acini, non uno di meno non uno di più, e mangiatene uno alla volta. Assicureranno fortuna durante tutti i mesi del nuovo ’anno.

Germania

Arrivata la mezzanotte in Germania si beve lo Feuerzangenbowle, una bevanda dal nome impronunciabile a base di vino, cannella e rum. A fine serata e poi importantissimo non dimenticare di lasciare sul tavolo un piatto stracolmo di cibo, in segno di prosperità e abbondanza. Mi raccomando quindi, se vi trovate in Germania state attenti a non finire tutto il cibo della vostra cena.

Qui trovate una ricetta per imparare a cucinarlo!

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

Olanda

In Olanda il capodanno è rappresentato dal cerchio, simbolo di inizio dell’anno nuovo. Immancabili quindi sono tutti i dolci rotondi: ciambelle, deliziosi bomboloni ripieni di crema, appelflappen (le sfogliatelle ripiene di crema), oliebollen, le tipiche frittelle olandesi …l’importante è che siano assolutamente rotondi e ovviamente buoni.

tradizioni capodanno Olanda

Estonia

Se volete sapere cosa si mangia a Capodanno nel mondo dovete assolutamente conoscere questa tradizione. Avete mai sentito parlare dei 7 pasti dell’Estonia? Se per il nuovo anno si desidera avere fortuna,  in Estonia la tradizione prevede di mangiare 7 portate tra il 31 e il primo giorno dell’anno. In questo modo durante l’anno nuovo si otterrà ricchezza e prosperità.

Questa bizzarra tradizione deriva da una leggenda sovietica. Secondo la storia mangiando sette portate si sarà in grado di immagazzinare la forza di sette uomini. Più pasti si mangeranno più si sarà forti e fortunati, quindi la sera prima è meglio fare attenzione e cercare di non mangiare troppo.

Giappone

In Giappone i piatti tipici del Capodanno sono moltissimi e vengono preparati in base al loro significato:

1- il kouhaku kamaboko, la torta di pesce. Porta gioia e sacralità grazie al rosso e al bianco del pesce con il quale è preparato;

2- i kuromame, ovvero i semi di soia nera che portano buona salute. I giapponesi sono soliti chiamarli fagioli per la loro somiglianza con questo legume.

3- l’otoso, un particolare sakè speziato, in grado di uccidere gli spiriti cattivi e di garantire un anno senza malattie e seccature;

4- I noodles, assicurano invece longevità. Ma attenzione, il loro potere di portafortuna funziona solo se sono lunghissimi e se non si spezzano durante la cottura!

tradizioni capodanno Giappone

 

E per quanto riguarda i brindisi? Anche in questo caso esistono diversi rituali scaramantici

Russia

In Russia la tradizione prevede che i desideri per l’anno nuovo vengano scritti su un pezzo di carta. In seguito la carta viene bruciata e una piccola parte delle ceneri deve essere aggiunta allo champagne con cui si brinderà allo scoccare della mezzanotte.

Affinché il rituale funzioni, il bicchiere deve essere svuotato in 60 secondi, altrimenti il desiderio non si avvererà mai!

Brasile

Anche il Brasile possiede il suo tradizionale brindisi. Per avere infinita fortuna durante il nuovo anno, il calice di vino deve essere lanciato alle proprie spalle.

Cosa si mangia a Capodanno nel mondo

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

"La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >