Exotic
di Marcello Farno 19 Giugno 2018

Come si mangia il sushi?

Ci sono degli accorgimenti che bisognerebbe imparare in segno di rispetto verso lo chef. E verso noi stessi e il cibo che stiamo mangiando

Come mangiare il sushi? Esiste una maniera corretta per farlo? Gli ultimi vent’anni di invasione nippon-alimentare in Italia sembrano ancora non averci insegnato che esiste un galateo, o quantomeno delle buone maniere, per gustare al meglio la pietanza giapponese a base di riso e pesce crudo. Esagerare col wasabi e far strabordare di salsa di soia ogni singolo pezzo è il modo attraverso cui molti di noi, compreso il sottoscritto, si approcciano alla materia.

Dipendenza da sushi

Ecco, bisogna rivedere un attimo le nostre abitudini. Ci sono degli accorgimenti che bisognerebbe imparare, in segno di rispetto verso lo chef (in Giappone bisogna superare diversi anni di apprendistato, prove e allenamento per diventare un vero itamae – cuoco – professionista) e verso noi stessi e il cibo che stiamo mangiando.

Hiroshige_Bowl_of_Sushi_intera Public Domain - Ciotola di sushi, opera di Utagawa Hiroshige (1797 – 1858)

 

Mangiare con ordine: bisogna iniziare sempre con il sashimi, per poi passare ai nigiri e chiudere coi maki. Allo stesso modo iniziate gustando il pesce dal sapore più leggero per passare poi a quello più saporito, come il tonno. Se proprio volete, lasciate che sia lo chef a guidarvi nel percorso culinario più adatto, basterà dirgli omakase e lui sarà ben contento di accompagnarvi.

Usate bene le bacchette: se volete far assaggiare il vostro sushi ai commensali non passatelo mai da bacchetta a bacchetta, ricorda ai giapponesi usanze funebri e offerte di cibo ai defunti, non è una bella abitudine. Lo stesso per quel che riguarda prendere il sushi infilzando le bacchette nel riso. Non si fa.

Arigatò

O in alternativa le mani: se con le bacchette non siete particolarmente abili, potete utilizzare comunque le mani. Anzi è proprio quella la maniera tradizionale di mangiare il sushi. In questo modo tra l’altro non rovinerete la sua forma. L’importante è pulirsi dopo ogni portata con delle salviettine rinfrescanti, solitamente fornite dal locale. Evitate l’uso delle mani quando si tratta di sashimi.

Poca salsa di soia: non bisogna appesantire il sapore del sushi con troppa salsa di soia. Ne basta un pizzico, dalla parte del pesce. Il riso e la soia non dovrebbero infatti mai incontrarsi.

 

 the stocks

 

Piano col wasabi: non miscelate il wasabi nella salsa di soia. In una preparazione corretta lo chef ha già applicato la giusta dose di wasabi tra il riso e il pesce. Se volete aumentare la piccantezza della portata, prendete con le bacchette il wasabi e spalmatelo sulla parte superiore del pesce. Ma niente intrugli piccanti.

Mangiate nel verso giusto: posizionate il sushi sulla lingua a testa in giù. In questo modo potrete sentire meglio il sapore e la freschezza del pesce. Non dividete poi il pezzo a metà, ma mangiate tutto in un boccone. Dividere il sushi a metà è un gesto scortese nei confronti dello chef, che ha preparato con estrema cura per voi un pezzo unico e perfetto.

L’importanza dello zenzero: evitate di strafogarvi di zenzero solo a fine pasto. È bene mangiare qualche foglia tra una portata e l’altra, stando però attenti a non avere ancora il pesce in bocca. Lo zenzero serve a fare da detergente, e pulire dalla bocca i sapori.

Il tempo giusto: il sushi nasce come street food, negli anni ’50 veniva infatti venduto per strada. Solo successivamente nei ristoranti hanno iniziato a comparire i primi tavoli. Questo non deve rendervi accomodanti, il sushi va infatti mangiato appena arriva sul tavolo, più tempo passa più il pesce crudo rischia di deteriorarsi.

Alla fine del pasto, se la situazione ve lo permette, invitate lo chef al tavolo e bevete del buon sake con lui. E ringraziatelo dicendo gochisousama deshita. Il sushi è un cibo delicato e va mangiato con molta premura. Tuttavia, se delle vostre abitudini non potete proprio farne a meno, beh fatelo comunque.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >