Food
di Alessandro Minnino 25 Ottobre 2020

Tik Tok: tutto il cibo in 60 secondi

Se hai vissuto sotto un sasso negli ultimi due anni, potresti non sapere cos’è Tik Tok: si tratta di un social network in cui gli adolescenti condividono dei video di balletti, canzoni in lip-sync ed esperimenti sociali. È una piattaforma deliziosamente dominata dai bimbiminkia: se sei un adulto, facilmente ti sentirai escluso dai suoi meccanismi. I ragazzi che lo usano sono tanti: negli ultimi mesi parliamo di circa 700k utenti al giorno, o 4 milioni di utenti unici al mese (lo so, i conti non tornano, ma lamentati con Statista che ha prodotto i dati qua sotto).

Cosa c’è di interessante? L’algoritmo di Tik Tok è veramente potente: suggerisce all’utente dei contenuti _veramente_ rilevanti e rende virali dei video – apparentemente senza motivo. Entrambe le cose non potrebbero mai accadere su Instagram o Facebook. Insomma, Tik Tok è una tana del bianconiglio che potrebbe risucchiarvi per sempre, in un turbine assortito di tredicenni discinte che cantano Sfera Ebbasta, tsunami di schiuma colorata e altre amenità.

Mi sono lasciato prendere e, ovviamente, dopo cinque minuti la piattaforma mi suggeriva solo video di cibo. Chi segue i video di cibo su Tik Tok? Oltre a me, intendo?

Questa è l’anagrafica dei follower dello chef Barbieri, salito alla fama su Tik Tok per aver affettato una carota sulle note di CAROTE CAROTE CAROTE (di cui ti agevolo la visione tra un secondo).

Interessante che le statistiche di Tik Tok abbiano una sola colonna per misurare gli utenti over 35, genericamente raggruppati alla voce “boomer”.

@bruno.barbieri

Carote soltanto carote Vichy buonissime da provare… @xfactor_italia @sferaebbasta #carote #mastechef #4hotel #emanuelecrisanti #xf13

♬ Carote – Nuela

Ho provato a far due domande a un esperto della piattaforma, Alessio Atria, anche noto come “Mr. Tik Tok”. Per lavoro e per passione è molto esperto sia di cibo che della piattaforma di cui parliamo.

Molti ristoranti, gli ho chiesto, hanno iniziato a usare Tik Tok. Cosa si aspettano di ottenere?

Alessio mi ha risposto che “grandi catene come Mc Donald’s e Burger King, fanno le challange su TikTok coinvolgendo più utenti possibile per farle andare nei ristoranti. Ovviamente loro hanno grandissimi budget e quindi possono permetterselo. Ristoranti “più piccoli” come per esempio Beato Te di Milano e l’Antico Vinaio puntano molto sul traffico organico e sull’influencer marketing. Se hai il locale in target con il pubblico medio di Tiktok, si può fare moltissima Brand awareness e generare tante interazioni sulle altre piattaforme e sito web. Grazie al link in bio è anche possibile collegare il profilo con trip advisor o una pagina di prenotazione. Utilizzando hashtag corretti e settando le AD in maniera sensata si può andare a colpire un pubblico molto mirato (età, sesso, regione, interessi ecc.) […] TikTok da ancora la possibilità di arrivare a migliaia di utenti senza spendere soldi in annunci.”

Alessio e invece gli chef, che ci fanno qui?

“Alcuni Chef hanno creato il personaggio grazie a TikTok e alla visibilità organica. In molti sono riusciti a riadattare le ricette in 30 secondi max un minuto, ottenendo un successo strepitoso. Obiettivi: Più notorietà Più traffico sulle altre piattaforme Monetizzazione tramite:Vendita corsi e libri di cucina tramite link in bio o collaborazioni con brand per sponsorizzate”

Ecco per esempio lo chef Massimiliano che fa i Nutella biscuits

https://www.tiktok.com/@chefmassimiliano/video/6887526668404198657?_d=secCgsIARCbDRgBIAMoARI%2BCjzVUSjf6UX3xhkZNs2MO4DcSEpsF%2FWfnvmNRUCSnjiDNFYay9KbMabEthPUL4%2BHT1To2%2BkZkg6EghAeIP0aAA%3D%3D&language=it&sec_uid=MS4wLjABAAAAqSvLDWAZZhs6K7Lyy6XQDhnz1OTSbMGVsQQKgMflP9_oCRqdjv4jOVbuBmCwUu3Q&sec_user_id=MS4wLjABAAAA6Kzkv4oFA3xzNRuhiXlL-5eU-G4t0KtlU_gfgOEPwWhwz6QVFPlaqdW9O1ywq4UE&share_app_name=musically&share_author_id=6786659581700998149&share_link_id=cec488e0-bcb2-4aa4-b703-dc767084d58e&timestamp=1602055623&u_code=d7jmk5bkd2h5fl&user_id=6724926299951678470&utm_campaign=client_share&utm_medium=android&utm_source=copy&source=h5_m

Alessio mi ha passato un po’ di link. Molti sono i soliti noti, o quelli che ci aspetteremmo: l’onnipresente e super social Antico Vinaio, la superstar globale della pizza verace Gino Sorbillo oppure i nuovi e simpatici FUD Bottega Sicula. Non mancano le esperienze più piccole o ancora all’inizio, come Capitan Pizzaburger, che punta tutto sull’abbondanza di ingredienti grondanti e ipercalorici.

https://www.tiktok.com/@allanticovinaio/video/6887521312374263041?_d=secCgsIARCbDRgBIAMoARI%2BCjwd%2BiJ0WfKtjOdAZYWH7EVRZX6FlP9TC93a%2FGrNzau%2BtNb0PcDQ6eUhQOe1sD8c60iIpFhmexQFPCY3WREaAA%3D%3D&language=it&sec_uid=MS4wLjABAAAAfnOzJiJNeNPxzDmq2VXEIwxSYYD5TpFbYoG8h7TWOpfnivQIeEt67XHdV5h0ccre&sec_user_id=MS4wLjABAAAA6Kzkv4oFA3xzNRuhiXlL-5eU-G4t0KtlU_gfgOEPwWhwz6QVFPlaqdW9O1ywq4UE&share_app_name=musically&share_author_id=6756919028202095621&share_link_id=4d95a13d-6b40-47db-8555-ed6f4c93f34b&timestamp=1602055591&u_code=d7jmk5bkd2h5fl&user_id=6724926299951678470&utm_campaign=client_share&utm_medium=android&utm_source=copy&source=h5_m

E se ci fosse una guida gastronomica fatta su Tik Tok? Ce n’è più d’una, per esempio Mangiare in Salento ci fa vedere appunto… cosa si mangia in Salento. È un modo nuovo e intelligente di fare comunicazione del territorio.

@mangiareinsalento

#pasticciotto #lecce #salentofood #salento #martinucci

♬ suono originale – Mangiare in Salento

 

Quello che stupisce sono esperimenti come Beato Te Milano, una pizzeria che ha dato l’account Tik Tok in mano a una dipendente. Si tratta di un esperimento interessante: il linguaggio è quello di Tik Tok, c’è pochissimo prodotto (resistono alla tentazione del food porn a tutti i costi) e i contenuti sono coinvolgenti.

https://www.tiktok.com/@beatotemilano/video/6887526274097515778?_d=secCgsIARCbDRgBIAMoARI%2BCjyM8MTRiFY4JY6G7i3lJw0aBTznMfZSgtS7maxwAeNY2QZdMe2JFLMR%2FnZ7%2FLt0a8YF0tK1S3FPk6E%2FzmEaAA%3D%3D&language=it&sec_uid=MS4wLjABAAAAzq4_JHGFb-I-47Xz6DTvdm285JIbkBk6SE6-PHu6ahXejd0R3Zy2r3YaXbvAdYAX&sec_user_id=MS4wLjABAAAA6Kzkv4oFA3xzNRuhiXlL-5eU-G4t0KtlU_gfgOEPwWhwz6QVFPlaqdW9O1ywq4UE&share_app_name=musically&share_author_id=6620021947605336065&share_link_id=ad0c1789-d69e-4b10-94af-f8abbc744c12&timestamp=1602055557&u_code=d7jmk5bkd2h5fl&user_id=6724926299951678470&utm_campaign=client_share&utm_medium=android&utm_source=copy&source=h5_m

La parte migliore di Tik Tok è quella più umana e sperimentale. Nicola Matarazzo ha un canale in cui, tra le altre cose, documenta i suoi allenamenti da pizzaiolo freestyle, facendo volteggiare una pizza in silicone (e a volte anche qualche pizza vera). Ho fatto quattro chiacchiere con lui.

@nicolamatarazzo

secondo voi dove mi trovo ? #pizzafreestyle #ciclone

♬ Ciclone – Takagi & Ketra & Elodie & Mariah

Nicola come ti è venuto di fare freestyle su Tik Tok?

“il profilo Tik Tok l’avevo aperto così per gioco, per scherzare con i miei compagni, fino a quando un giorno non decisi di creare un video dove facevo vedere il pizza freestyle e vidi che quel video aveva fatto 20.000 visualizzazioni in 24 ore. Io da ragazzino che non non aveva mai avuto un riscontro così alto sugli altri social ero felicissimo, e così pian piano ho iniziato a continuare a realizzare i video e facendo conoscere alle persone il pizza freestyle, anche perché in Italia non ci sono molte persone che lo fanno”

Hai mai avuto dei riscontri nella vita reale, da quello che fai su Tik tok?

“riscontri ne ho avuti tantissimi: gente che è venuta a trovarmi in pizzeria, è venuta a mangiare per poi chiedermi delle foto o un autografo, ho ha avuto l’occasione di conoscere titoker molto conosciuti in Italia, sono anche riuscito ad arrivare a sespo che ha commentato sotto a un mio video. È stato veramente un grandissimo onore, non avrei mai pensato che una persona così popolare avrebbe guardato i miei video”

 

@nicolamatarazzo

#pizza #pizzafreestyle #slowmotion #slowmo instagram:napoletano_nick

♬ Music remix – Bye

 

Continua così:

“Poi ho avuto anche collaborazione con dei cantanti come i musicomio che è un gruppo lanciato da Pio Amedeo, ho collaborato con Greta tedeschi per una sua canzone e poi ho collaborato con altri cantanti meno conosciuti per infine avere una collaborazione con bidoo. Attualmente lavoro con un’agenzia che mi fa fare delle sponsorizzazioni di canzoni. Diciamo che mi ha dato veramente una grandissima opportunità per far crescere me e per farmi avere un po’ di visite in più. Ma la cosa più bella che mi ha regalato è che sto riuscendo pian piano a portare il mio talento ovunque”

L’intersezione tra esperienze personali e aziendali è la vera differenza tra Tik tok e altri social. Le persone passano qui i loro micro-momenti di tempo libero, anche quando sono al lavoro, a volte con risultati esilaranti, a volte con risultati disastrosi.

Tra i risultati fantastici: lo chef Gary Kinsey, che si presenta come “modeling chef” (fa il modello oltre a lavorare in cucina) fa spesso video mentre lava i piatti. Qui spella un salmone intero con un colpo da kung fu.

@chefgkin

Fish Fabrication with My Hand #salmon #fish cheflife@rositaisales

♬ FTH – B3B3′

Tra i risultati disastrosi: una dipendente della catena Panera Bread fa vedere come cucina Mac and Cheese. La pasta, come succede sempre più spesso, è precotta sous vide e viene semplicemente rigenerata nell’acqua bollente, per poi essere impiattata. Una prassi normale nelle cucine, ma i consumatori non hanno recepito bene il fatto che il loro mac and cheese preferito fosse precotto, il video è andato virate e ha dato vita a una shitstorm da manuale. La dipendente è stata licenziata. Sicuramente è solo una delle prime, tra le vittime di Tik tok.

 

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >