Come cucinare le arepas venezuelane
Ricette
di chiara dell'oro 28 Gennaio 2022

Come cucinare le arepas venezuelane

Hai mai sentito parlare delle arepas? Sono delle specie di focaccine venezuelane facilissime da preparare e soprattutto buonissime. Se ti abbiamo incuriosito e vuoi sapere come cucinare le arepas venezuelane, continuando a leggere questo articolo troverai la ricetta e dei consigli per farcirle come un vero e proprio local.

Puoi preparare le arepas in qualsiasi occasione: colazione, pranzo, merenda e persino durante una cena tra amici, al posto della solita piadina o di un semplice toast.

 

Cosa sono le arepas?

Come vi abbiamo accennato, le arepas sono delle specie di focaccine del Venezuela e diffusissime anche in Colombia. Si preparano con pochissimi ingredienti, acqua, sale e farina di mais bianco, e sono uno dei simboli della cucina latinoamericana. Se conoscete le pupusas di El Salvador, si, non vi state sbagliando, sono due piatti mooolto simili. La differenza risiede semplicemente nel nome e nel modo con cui vengono farcite.

In Venezuela solitamente vengono cotte sulla griglia, aperte a metà e poi farcite con carne, verdure, insalata, formaggio, fagioli o salse diverse, mentre in Colombia è molto più frequente trovarle senza ripieno per accompagnare stufati e zuppe, come una sorta di pane.

arepas venezuelane

Come cucinare le arepas venezuelane

Ingredienti per 4 persone:

1 tazza di Farina precotta di mais bianca o gialla
Un pizzico di sale
1 tazza e mezza di acqua molto fredda
Un cucchiaio di maizena se volete ottenere un impasto morbido

 

Procedimento per cucinare le arepas venezuelane:

Come si cucinano le arepas venezuelane? È semplicissimo. Si inizia mescolando gli ingredienti tra di loro. L’impasto non deve avere grumi, ma deve essere liscio ed elastico, senza essere troppo appiccicoso.

Una volta pronto, lasciatelo riposare per qualche minuto. Trascorso questo tempo, se l’impasto è troppo asciutto, ovvero se si formano delle crepe sui bordi durante la preparazione dell’arepa, bisogna aggiungere acqua all’impasto. Se, invece, l’impasto è troppo morbido e non si può modellare facilmente, si dovrà aggiungere un po’ di farina.

Una volta che l’impasto sarà perfetto, si può proseguire con il passaggio successivo, ovvero dare la forma alle arepas.

La modellatura delle arepas è un processo molto semplice: prendete un po’ di impasto, arrotolatelo in palline della dimensione di un uovo e poi appiattitelo con i palmi delle mani fino a ottenere un dischetto. La dimensione e lo spessore delle arepas variano a seconda dei vostri gusti: possono essere più grandi e sottili oppure più piccole e più spesse. Sentitevi quindi liberi di scegliere voi, in base a quello che più preferite.

Come cucinare le arepas venezuelane

Una volta pronti i vostri dischetti, dovete scegliere come preferite cuocerli:

1- fritti in padella con dell’olio

2- alla griglia: è un’opzione più complicata della precedente perchè si dovrà stare molto più attenti affinché non rimangano crude all’interno. Scaldate una piastra o una padella molto calda, che abbasserete a temperatura media un minuto dopo aver messo la prima arepa. Durante la cottura girate i dischetti per cuocerli da entrambi i lati, fino a quando non avranno il colore e il tocco croccante. Il processo può richiedere più di 10 minuti, il segreto è non avere fretta.

3- al forno: disponete le arepas su una teglia, spennellatele con dell’olio e poi inseritele nel forno molto caldo. Dovranno cuocere per circa 20 minuti o fino a quando non saranno diventate leggermente croccanti.

 

Come farcire le arepas

Prendete le vostre arepas e fate un taglio trasversale, poi svuotatele un po’ per creare una sorta di “tasca” in cui inserire il ripieno.

Gli ingredienti fondamentali per una farcitura da sogno sono fantasia e creatività. Potete scegliere qualsiasi tipo di ingrediente, formaggio, prosciutto, avocado, uova strapazzate, cipolla e pomodoro, verdure… Le possibilità sono infinite. Potete persino optare per ingredienti dolci se decidete di mangiare le arepas a merenda o colazione.

Come con la pizza in Italia, in Venezuela le arepas possono avere infinite tipologie di ripieni. Alcuni sono così famosi che hanno il loro specifico nome, anche se spesso si possono trovare delle leggere modifiche negli ingredienti, in base alla regione e al cuoco che le prepara.

Ecco alcuni esempi di ripieni salati da cui potete prendere esempio per farcire le vostre arepas:

1- Reina pepiada: insalata di pollo grattugiato, cipolla, avocado e maionese.

2- Pelúa: tagliata di manzo e formaggio grattugiato grossolanamente.

3- Huevos pericos: uova strapazzate con cipolla, pomodoro e diverse erbe o spezie.

4- Pabellón: tagli di carne, fagioli neri, platano fritto e formaggio bianco.

5- Rompe colchón (rompí materasso): una varietà di frutti di mare e verdure.

6- Frijoles refritos: fagioli fritti con una base di pomodoro, cipolla e pepe.

Come cucinare le arepas venezuelane

Qui trovate la ricetta per preparare un ripieno per arepas a base di carne. Si tratta della ricetta della carne mechada, un piatto tradizionale venezuelano composto da bollito di manzo, peperoni, cipolla, pomodoro, spezie ed erbe aromatiche, e spesso utilizzato per farcire le arepas.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >