Society
di Chiara Lauretani 30 Agosto 2018

Save the planet: quando la vostra cannuccia è fatta con gli ziti

Le cannucce di plastica non hanno più senso di esistere, ne drink metteteci gli ziti.

Gradisce la cannuccia o preferisce salvare il pianeta?

Che la plastica sia diventata un problema nei riguardi del nostro pianeta Terra, non è certo una novità.

Negli ultimi vent’anni l’uomo si è dovuto rendere conto di come urgesse l’esigenza di avere un occhio di riguardo in più nei confronti del pianeta che ci accoglie; è nata tanti anni fa la raccolta differenziata (diventata poi raccolta porta a porta),sono arrivati sempre più i materiali ecosostenibili, l’ attenzione allo spreco, un’etica ambientale decisamente più consapevole rispetto al passato. La plastica sopratutto è stato uno dei materiali più contestati degli ultimi anni, proprio perché se non viene smaltita correttamente, ha un tempo di deterioramento che arriva fino ai 450 anni ( il record ovviamente lo detiene il vetro che ha un tempo di decomposizione indeterminato).

Anche all’interno del mondo della cucina nelle ultime decadi si presta una maggiore attenzione a quello che si cucina e soprattutto a come lo si cucina, a partire dai materiali che si utilizzano per la fase di packaging; l’ultima novità a riguardo che sta lentamente prendendo piede in varie parti del mondo è l’utilizzo delle cannucce. Sembra una piccolezza ma a pensarci bene non lo è affatto. Basti solo pensare alle bibite gassate servite nelle grandi catene di fast food, o ai nostri amatissimi Estathe o molto più semplicemente a tutti i drink che ci beviamo nel weekend; le cannucce di plastica sono praticamente ovunque senza che ci facciamo caso. E allora perché usare la plastica quando si può utilizzare la pasta, tipo gli ziti.

Ziti alternativi

E’ sicuramente un’alternativa molto originale (unica pecca non sono adatte ai celiaci)  e si aggiungono alla lista di cannucce eco intelligenti degli ultimi anni (quelle in metallo, quelle di carta e quelle di plastica biodegradabile). Le cannucce di pasta hanno dalla loro sicuramente l’originalità visiva ma sopratutto il costo molto contenuto. Tra i primi ad attuare questo originale cambiamento è stato il proprietario di Brace and Browns, in Inghilterra, ma anche Mc Donald’s ha dichiarato che entro il 2019 farà sì che le classiche cannucce di plastica scompaiano dai suoi punti vendita, passando a quelle di carta. A gennaio di quest’anno un’iniziativa partita dal quotidiano britannico Evening Standard dal nome The Last Straw ha iniziato a riscuotere successo tra albergatori e ristoratori, mentre in Italia i primi a voler essere la prima città totalmente plasticstraw free è Terni.

C’è chi è ancora più avanti, e le cannucce le fa addirittura commestibili, con i resti della frutta secca. Date un occhio!

Easy! 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >