Society
di redazione 24 Ottobre 2018

Canzoniere culinario: quali sono le più belle canzoni che parlano di cibo?

Il Canzoniere Culinario ci racconta il cibo attraverso le sue canzoni più famose.

Tra i grandi piaceri della vita oltre a dormire e a mangiare c’è indubbiamente anche la musica.

Facendo mente locale abbiamo riconosciuto come il mondo della musica, italiana e non, al cibo ci sia particolarmente affezionata tanto da renderlo protagonista in moltissimi pezzi di grande successo. Ecco allora che, in alcuni casi, questi due ultimi piaceri possono marciare uniti e compatti con grande soddisfazione da parte nostra. È il caso di tutte quelle canzoni a tema cibo, tanto da creare il primo vero e proprio Canzoniere culinario.

Un tocco di cibo anche nella musica

Come non citare la celeberrima “Le cornichon” del mai abbastanza rimpianto Nino Ferrer, un vero e proprio elenco di prelibatezze in serie, canzone cult degli anni Sessanta più sbarazzini e yè-yè di marca francese. Per un perfetto pic-nic in mezzo alla natura non possono mancare per Ferrer “Le poulet froid, la mayonnaise, le chocolat, les champignons, les ouvre-boîtes et les tomates, les cornichons” ovvero un po’ di pollo, della maionese, cioccolato, i funghi e un po’ di pomodorini e sottaceti.

Il pollo, evidentemente cibo molto citato dai cantanti, è anche protagonista del successo di Fred Buongusto (chi se no!) “Spaghetti a Detroit”. Il ritornello “Spaghetti, pollo, insalatina e una tazzina di caffè a malapena riesco a mandar giù” cantato con falso accento americano è una di quelle strofe che tutti, non si sa bene neppure il perché, sappiamo perfettamente.

Ad altri lidi e soprattutto con altri piatti si è cimentato Fabrizio De André in uno dei pezzi più amati della sue discografia. Stiamo parlando di “A Çimma”, canzone contenuta nello splendido album “Le nuvole” scritto assieme a Ivano Fossati. In perfetto dialetto ligure, Fossati e De André tessono le lodi del grande piatto della tradizione di questa terra, la mitica tasca di vitello ripiena di svariati e prelibatissimi ingredienti.

Spostandosi su altri versanti (e soprattutto su altri mood) andiamo dove le canzoni hanno il ritmo che la fa da padrone; a quanto pare a spingere fortissimo sono il cioccolato e i dolci in generale. Come dimenticare infatti “Sugar Sugar” dei The Archies. Un pezzo dal successo interplanetario e cantato da chiunque tra cui, l’anno dopo l’uscita del pezzo (1969), perfino da Wilson Picket!

Ma sempre nell’ambito degli zuccheri si sono cimentati anche i Maroon 5 con “Sugar” e perfino Rihanna con la misconosciuta “Birthday Cake”. Anche se magari il titolo non è così cool, di grandissima eleganza è la fighissima “Green onions” di Booker T.

Sempre in ambito di spezie vi invitiamo caldamente a raggiungere Simon&Garfunkel nel mercato medioevale della “Scarborough Fair” per poi dissertarsi nell’iconico “Lemon Tree” di Trini Lopez, o anche quello dei Fool’s Garden.

Ma, ovviamente, parte del leone in questa classifica la fanno le canzoni di casa nostra. Chiaramente non possiamo farci scappare l’occasione di citare “Fagioli” degli Skiantos, con tutta la sua carica di originalissima ironia mentre con “La canzone del pane” i Camillas hanno realizzato uno degli inni più adorabilmente scanzonati alla vita rupestre (e alle gioie del pane casereccio fatto con amore) che si siano mai sentite.

Se Rita Pavone, nei panni di Gian Burrasca, attiva le folle dei ragazzini anni Sessanta con “Viva la pappa col pomodoro” (pezzo con un testo-killer che ti entra in testa per non uscirne più) più contemporanea è la regina della notte M¥SS KETA che con “Milano Sushi & Coca” ha scritto un vero e proprio manifesto della (contro)cultura pop di questi ultimi anni.

Tantissimi i pezzi che parlano, a vario titolo, di caffè e dei suoi derivati da “7000 caffè” di Alex Britti al mini-anthem “È finito il caffè” dei Gazebo Penguin ma forse la canzone gastronomica più particolare di questi ultimi anni è “Lampredotto” di Millelemmi. Se vi dovesse capitare di aver dimenticato cosa “avete messo nel caffè” basta riascoltare per bene Riccardo del Turco che nel 1969 fu uno dei primi a dedicare un pezzo alla bevanda preferita dagli italiani.

Non ci resta che augurarvi:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >